LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

domenica 3 febbraio 2008

Aberrazioni estreme dell'ideologia cristiana del possesso delle persone.

Il cristianesimo considera le persone come degli oggetti di possesso.
Così, all’interno della religione cristiana, il diritto al possesso di persone può essere riaffermato in ogni modo possibile.
L’ideologia del possesso delle persone viene riaffermata continuamente. Anche negli esempi di Gesù in Giovanni, le persone sono le pecore che riconoscono la voce del loro padrone e seguono il loro padrone e quando non obbediscono al loro padrone le attende il luogo del terrore, là dove c’è paura e stridor di denti.
L’esempio che riporto riguarda una condanna definitiva ad un prete Ortodosso Rumeno, ma esempi simili li potete trovare ovunque. Lo stesso stupro di minori e gli esorcismi di Amorth non sono altro che riaffermazioni del diritto cristiano al possesso delle persone. La sceneggiata della scacciata del diavolo ad opera degli esorcisti cristiani ha come scopo la riaffermazione del possesso della persone ad opera di chi si identifica in cristo.
Suora crocifissa, condannato prete

Durante un esorcismo, condannate anche 4 monache
(ANSA) - BUCAREST, 30 SET - Condanna confermata per un prete e 4 monache rumene, accusati di aver provocato la morte di una suora, crocifissa durante un esorcismo.L'Alta Corte di Romania ha confermato le sentenze pronunciate a settembre 2007 per il fatto avvenuto nel giugno del 2005 al convento di Tanacu. La suora crocifissa, Irina Cornici, aveva 23 anni. La pena iniziale, fissata in 14 anni di carcere per il sacerdote ortodosso, e' stata poi dimezzata a 7 anni. 30 Gen 14:42

La storia è disseminata di questi episodi e quotidianamente si devono registrare episodi di violenza nei confronti delle persone indifese ad opera dei cristiani che riaffermano su di loro il loro diritto.
Per l’ideologia religiosa cristiana Gesù ha diritto a far violenza alle persone (lui non è venuto per portare la pace, ma la spada e per dividere il padre dal figlio... Matteo), ma le persone non devono far violenza per sottrarsi dalla violenza subita. Gesù non dice a sé stesso: io devo amare i miei nemici. Ma Gesù, il nemico degli uomini, dice agli uomini che loro lo devono amare. Agli uomini in ginocchio davanti a lui ordina di amare i loro nemici: cioè lui!
La stessa crocifissione altro non è che la condanna di Gesù per la sua pretesa di essere il padrone delle persone: il peggior delitto che si possa commettere nei confronti dell'umanità.
Nei vangeli appare evidente che Gesù è stato condannato per il suo odio per l'umanità, infatti, al sacerdote che gli chiede di difendersi, dice: "Io sono il tuo padrone, vedi di metterti in ginocchio davanti a me!" (Marco 14, 63; Matteo 26, 64; Luca 22, 67-69;)
Agli uomini in ginocchio davanti a lui impone di perdonare la violenza che lui sta facendo a quegli uomini!
Gli uomini non devono chiedere giustizia della violenza che subiscono da lui, ma devono perdonarlo.
Come questa suora che è stata torturata, che deve, per l'ideologia cristiana cui ha aderito, perdonare i suoi torturatori che si sentivano tanti Gesù onnipotenti, così i torturatori potranno continuare a torturare.
Invece, questa volta, questi esorcisti sono stati condannati, anche se la condanna, come sempre accade quando le vittime sono persone indifese, è ridicola e assolutamente non proporzionata al delitto commesso. Ma, se non altro, la società civile ha riaffermato il proprio diritto ad emettere giudizi e condanne contro il terrore cristiano.
04.febbraio 2008
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento