LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

mercoledì 6 febbraio 2008

L'origine dell'idea del superuomo nazista!

Se noi leggiamo i vangeli ufficiali dei cristiani possiamo comprendere per quale delitto Gesù fu condannato.
Gesù fu condannato per il più ATROCE dei delitti che l’umanità abbia mai concepito: la distruzione dell’umanità.
La sua pretesa di stuprare l’umanità affinché si mettesse in ginocchio davanti a lui e rinunciasse ad affermare sé stessa come umanità, è il delitto più atroce che può essere commesso nei confronti dell’umanità: il delitto dal quale si manifesta ogni delitto!

Cosa intende per “DELITTO ASSOLUTO” la nostra società?
Quando un delitto è tale per il quale non può essere prevista nessuna prescrizione e nessuna attenuante?
Quando il delitto minaccia tutta l’umanità nella sua interezza, nel suo corpo, nelle sue manifestazioni di trasformazione verso il futuro.

Quando viola un principio fondamentale della nostra Costituzione.

Costituzione della Repubblica Italiana:

Art. 3)


“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e dell’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica e sociale del paese.”

Gesù fu condannato perché ha violato questo principio; così dicono i vangeli ufficiali dei cristiani!

Se è vero che questo articolo non era scritto nelle norme giuridiche delle società antiche era solo perché quei principi, enunciati da questo articolo, erano condizioni normali della società civile. Non era necessario scriverli, perché a nessuno veniva in mente di violarli!
Qual è quel dio che nelle antiche società ha mai detto “io sono il vostro padrone” prima del dio degli ebrei e di Gesù?
Per cui, che senso aveva scrivere una regola, un principio se le società non avevano bisogno di questo principio?
Ma i cristiani questo principio lo hanno violato! Gesù lo ha violato offendendo e bestemmiando contro l’umanità!

Proviamo a leggere le dichiarazioni di Gesù al processo e quali intendimenti quelle dichiarazioni manifestavano.

Alla domanda, “Sei tu il figlio del dio padrone?” Gesù rispose:

“Tu l’hai detto; anzi io vi dico: d’ora in avanti vedrete il Figlio dell’uomo assiso alla destra dell’Onnipotente e venire sulle nubi del cielo.”Matteo 26, 64

“Io lo sono, e voi vedrete il figlio dell’uomo assiso alla destra dell’Onnipotente e venire con le nubi dal Cielo.” Marco 14, 62

“Se ve lo dico non crederete; se vi interrogo non mi rispondete. Ma d’ora in poi il Figlio dell’uomo sarà assiso alla destra della potenza di Dio.” Luca 22, 68-69

Si tratta dell’ideologia del superuomo nazista: colui che pretende che tutti si mettano in ginocchio. E anche se nei vangeli non appaiono molti passi di violenza fatta o ordinata da Gesù (frustare i più deboli, sembra quasi che sia un caso isolato), la direttiva dottrinale è quella di costringere tutti gli uomini alla sottomissione con qualsiasi tipo di violenza.
Ricordo che la “preghiera del venerdì santo” dei cattolici conteneva frasi del tipo “perfidi giudei” e “perfidia giudaica”, frasi emendate da Giovanni XXIII dopo la scoperta di cosa i cristiani avevano fatto nei campi di sterminio e impauriti per la crescente influenza degli ebrei nella società civile, nonché la consapevolezza che il credo religioso di ogni persona è sacro quando non incita alla violenza e al genocidio nella società civile.
Macellare gli ebrei è sempre stato uno sport molto praticato dai cristiani nel corso della storia. Un massacro sempre giustificato anche quando la frase “perfidi giudei” è stata modificata (traggo dal Corriere della Sera del 06.02.2006) al fine di giustificare, sempre e comunque, l’odio che i cattolici avevano nei loro confronti.

Quelle frasi vengono così modificate:

Da Giovanni XXIII (1962) “Ascolta le preci che ti rivolgiamo per l’accecamento di quel popolo affinché sia sottratto alle sue tenebre”

Non li hanno forse macellati per sottrarli alle loro tenebre?

Da Paolo IV (1970) “Il Signore dio nostro che li scelse primi fra tutti gli uomini, li aiuti a progredire sempre nell’amore del suo nome e della fedeltà della sua alleanza.”

Appare evidente l’implicito: noi li abbiamo macellati, ma loro non hanno voluto progredire. Se non progrediscono verranno ancora macellati!

Benedetto XVI (2008) “Preghiamo per gli ebrei: il signore dio nostro illumini i loro cuori perché riconoscano Gesù cristo salvatore di tutti gli uomini.”

La domanda è ovvia: se non lo fanno continuano a macellarli?

Lo so, un povero matto ha offeso l’umanità e ancora oggi i principi che si oppongono al superuomo nazista impersonato da Gesù sono i principi morali propri della CARTA DEI DIRITTI FONAMENTALI DEI CITTADINI EUROPEI e la DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL’UOMO: il vero Anticristo.
06 febbraio 2008

Nessun commento:

Posta un commento