LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

mercoledì 20 febbraio 2008

Marx, Darwin, Feuerbach, Proudhon e il regno di dio in terra!

----

Afferma Ratzinger:

“Ci voleva il salto rivoluzionario. Karl Marx raccolse questo richiamo del momento e, con vigore di linguaggio e di pensiero, cercò di avviare questo nuovo passo grande e, come riteneva, definitivo della storia verso la salvezza – verso quello che Kant aveva qualificato come il « regno di Dio ». Essendosi dileguata la verità dell'aldilà, si sarebbe ormai trattato di stabilire la verità dell'aldiquà. La critica del cielo si trasforma nella critica della terra, la critica della teologia nella critica della politica.”

Marx non ha fatto nessun salto rivoluzionario. Ha preso atto di tensioni che si esprimevano nella società e le ha lette in funzione di un futuro possibile. Ma molti futuri erano possibili. Non c’era nessuna salvezza davanti a Marx. C’era un possibile futuro con rapporti diversi fra le persone generati dalla produzione economica. Un diverso presente proiettato in un futuro possibile che il regno di dio aveva fino ad allora negato. Non una “verità nell’aldiquà”, ma una libertà dalle costrizioni che il regno di dio aveva imposto agli uomini nel loro presente negando agli Esseri Umani il loro futuro.
La critica al cielo si trasforma in divenire della terra e la “critica della teologia” viene sostituita con una critica alla teologia.
Mentre Marx pone le basi dell’etica capitalista e del liberalismo sociale riprendendo le argomentazioni di Roma Antica in chiave attuale; Feuerbach pone le basi per il ritorno all’origine della religione. La religione come legame dell’uomo al mondo in cui vive e dal quale è prodotto.

Osservava Feuerbach nel 1846 ne L’essenza della religione:

“Soltanto nella creazione, dunque, si avvera, si realizza e si esaurisce il dominio. Gli Dèi pagani, certo, erano già signori della Natura, ma non ne erano i creatori, e dunque erano soltanto dei monarchi costituzionali, limitati, esercitanti un potere all’interno di confini definiti, e non dei monarchi assoluti della Natura, i Pagani, cioè, non erano ancora soprannaturalisti assoluti, incondizionati, radicali.”

E cosa scopre Feuerbach?

“Ma la Natura non sarebbe per me, se fosse di per sé stessa, se avesse dunque in sé stessa il fondamento della propria esistenza, allora avrebbe proprio per questo anche un’essenza indipendente, un’esistenza e un’essenza originarie, che sussistono senza riferimento a me, indipendentemente da me. Il significato della natura, di non essere nulla per sé stessa, ma soltanto un mezzo per l’uomo, risale dunque solo alla creazione; ma questo significato si rivela soprattutto nei casi in cui l’uomo, come quando si ritrova in condizioni di bisogno, in pericolo di morte, entra in collisione con la Natura, e questa viene sacrificata al bene dell’uomo – nei miracoli. La premessa del miracolo è dunque la creazione, il miracolo è la conclusio, la conseguenza, la verità della creazione.” Ludwig Andreas Feuerbach “L’essenza della religione” 1846

E mentre Feuerbach dimostra come la teologia cristiana sia al di fuori del consesso umano, un bubbone estraneo, spinge per una riformulazione religiosa delle relazioni fra l’uomo e il mondo in cui vive. Nel 1844 Charles Darwin elabora la sua teoria dell’evoluzione e nel 1847 viene pubblicato a Londra “Il manifesto del Partito Comunista” di Marx. Contemporaneamente, Pierre Joseph Proudhon nel 1840 pubblica “Che cos’è la proprietà? Ovvero ricerche sul principio del diritto e del governo”.

----
Si tratta del commento al ventesimo paragrafo dell'enciclica Spe Salvi in cui Ratzinger tenta di separare l'orrore nel quale ha costretto l'umanità appropriandosi delle pulsioni di liberazione che l'umanità esprime.

Il testo completo lo trovate:
http://www.stregoneriapagana.it/spesalvi20.html

E i vari commenti all'enciclica Spe Salvi:
http://www.stregoneriapagana.it/stregoneriafutura.html

Claudio Simeoni
Meccanico
Aprendista Stregone
Guardiano dell'Anticristo

Nessun commento:

Posta un commento