LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

venerdì 3 ottobre 2008

Il bollettino di guerra della pedofilia quale prodotto dell'educazione cristiana.

Si tratta di veri e propri bollettini di guerra.
Non che una dieci anni fa gli abusi sui minori fossero inferiori. Allora non c’era internet e venivano più facilmente occultati sul territorio.
Allora era più facile per i cattolici far credere che tutti si inventassero le accuse e poi, in fondo, si trattava soltanto di “un reato contro la morale.
Si sono versati fiumi di sangue, lacrime e umiliazioni, delle persone per mettere gentaglia come Ratzinger, Bagnasco, Bertone, Wojtyla, e tutta la masnada criminale costringendoli a riconoscere che la violenza sui bambini è un reato contro la persona.
Riporto due articoli di indagini di polizia. Si, lo so che non appaiono implicati preti cattolici, ma è implicata L’EDUCAZIONE CATTOLICA! L’educazione che stupra le persone costringendole ad umiliarsi davanti ad un cristo Gesù che fu arrestato mentre faceva violenza ad un bambino e che i cattolici e i cristiani hanno elevato ad esempio da imitare in quanto padrone degli uomini.
L'educazione cattolica stupra e violenta le persone nella costruzione del loro futuro, non l'appartenere alla "gerarchia" cattolica. L'appartenere alla "gerarchia" cattolica, semmai, aumenta le probabilità di impunità come è successo per Ratzinger e i processi per violenza nei quali era imputato e che sono stati fermati dal Consiglio di Stato USA riconoscendo, di fatto, che Ratzinger era colpevole!


SPAGNA: MAXI OPERAZIONE ANTI-PEDOFILIA INFORMATICA,
121 ARRESTI


(AGI/AFP) - Madrid, 1 ott. - Colpo alla pedofilia on-line. Centoventuno persone sono state arrestate in Spagna nella piu’ vasta operazione contro la pedopornografia informatica che sia mai stata intrapresa nel Paese. Oltre 800 agenti di polizia hanno costituito una task force coordinata dalla “Brigada de Investigacion Tecnologica”, che ha portato alla scoperta di archivi con milioni di foto e video che ritraevano abusi sui minori. Due degli arrestati avevano prodotto il materiale sfruttando i bambini della propria famiglia. Per 96 dei 121 arrestati - quasi tutti professionisti (commercialisti, impiegati di banca, piloti, tassisti) - l’accusa formulata dagli inquirenti e’ quella di “possesso e distribuzione di materiale pedopornografico”. Nella maxi operazione sono state infatti sequestrate centinaia di computer e migliaia di cd e dvd, oltre ad alcune videocamere. (AGI)
Bag
Da:
http://www.informatica-oggi.it/archives/0002485.html


E anche:


Pedofilia su Web: 3 arresti, perquisizioni in varie regioni
venerdì, 3 ottobre 2008 10.16

MILANO (Reuters) - La polizia postale di Reggio Calabria ha arrestato ieri tre persone nell'ambito di un'operazione contro la pedofilia online che ha portato anche a numerose perquisizioni e a sequestri in una decina di regioni.
Lo ha riferito oggi la stessa polizia calabrese, precisando che gli arresti -- tutti a carico di cittadini italiani -- sono avvenuti in Lazio e in Veneto.
L'operazione -- durante la quale sono stati sequestrati anche almeno 30 computer, diversi hard disk esterni, pen-drive e centinaia di dvd -- è stata condotta con la collaborazione della polizia britannica.
"(La polizia britannica) ha individuato un utente Internet che cedeva fotografie attraverso un programma di file- sharing. Siccome il provider era italiano, i colleghi britannici ci hanno avvisato e noi abbiamo completato l'operazione arrestandolo", ha spiegato un funzionario della polizia postale di Reggio Calabria.
In Lombardia -- si legge in una nota diffusa dalla polizia calabrese -- è stata perquisita l'abitazione di un incensurato di anni 40, sposato con figli minori, al quale viene contestato il reato più grave, quello di induzione alla prostituzione di minori.
Gli inquirenti hanno effettuato 18 perquisizioni -- tra personali e domiciliari -- e i tre arresti sono stati eseguiti in flagranza di reato.
Tratto da:

http://www.borsaitaliana.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=topNews&storyID=2008-10-03T091542Z_01_MIE49204S_RTROPTT_0_OITTP-PEDOFILIA-WEB-POLIZA.XML

Volete scommettere che sono stati tutti educati cristianamente?
L’educazione cattolica in Spagna e l’educazione cattolica in Italia, lascia dietro di sé i suoi cadaveri sotto forma di persone incapaci di vivere in maniera adeguata nella società civile.
Quando non si previene, non resta altro che “curare”. Solo che non si impedisce alle persone di far violenza, anzi, si legittima l’educazione cattolica al fine di consentirgli di violentare le persone affinché facciano ancor più violenza.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento