LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

lunedì 3 novembre 2008

Ratzinger la sua superstizione che spaccia come cristianesimo

Il cristianesimo è SOLO superstizione. Una superstizione la cui fede altro non è che il prodotto della patologia psichiatrica indotta dai cristiani nei bambini mediante la violenza.
Un tema già trattato in passato:

http://www.federazionepagana.it/superstizione.html

e diventa di attualità quando Ratzinger offende gli uomini offende gli individui spacciando loro la “vita eterna” come se fosse una dose di eroina. Non argomenta, ma offende gli uomini a cui l’organizzazione del terrore cristiano ha privato delle loro possibilità di affrontare il loro futuro.
Ancora nell’enciclica Spe Salvi ratzinger continuava ad offendere le persone. Dopo averle macellate, massacrate e private di un futuro, da un lato imponeva il suo dio assassino e dall’altro lato si appropriava, in maniera criminale e volgare, delle immagini della bellezza e della beatitudine dei popoli perecristiani, con cui spacciare il suo cristo assassino:

http://www.stregoneriapagana.it/spesalvi06.html

E gli altri commenti a quell’orrore di enciclica di Ratzinger.
Riporto le affermazioni di ratzinger:


Papa, affrontare tema morte e vita eterna, no a superstizioni
domenica, 2 novembre 2008 2.31

CITTA' DEL VATICANO (Reuters) - Il Papa ha detto oggi che è necessario affrontare il tema della morte e della vita eterna, per evitare che la verità cristiana si confonda con credenze superstiziose e mitologie di vario genere.
"E' necessario anche oggi evangelizzare la realtà della morte e della vita eterna, realtà particolarmente soggette a credenze superstiziose e a sincretismi, perché la verità cristiana non rischi di mischiarsi con mitologie di vario genere", ha detto Benedetto XVI nella giornata in cui la chiesa commemora i defunti.
Citando San Paolo che esortava i fedeli a "non essere tristi come gli altri che non hanno speranza", il Papa ha invitato i cristiani a guardare alla morte e all'aldilà, con speranza "nella luce della Rivelazione".
Il Pontefice inoltre, ricordando che nella sua enciclica "Spe salvi" si è chiesto se gli uomini desiderano ancora la vita eterna o credono che la vita terrena sia "il loro unico orizzonte", ha detto che "tutti vogliamo la 'vita beata', la felicità" anche se "non sappiamo bene che cosa sia e come sia, ma ci sentiamo attratti verso di essa".
"E' questa una speranza universale, comune agli uomini di tutti i tempi e di tutti luoghi. L'espressione 'vita eterna' vorrebbe dare un nome a questa attesa insopprimibile: non una successione senza fine, ma l'immergersi nell'oceano dell'infinito amore, nel quale il tempo, il prima e il dopo non esistono più. Una pienezza di vita e di gioia: è questo che speriamo e attendiamo dal nostro essere con Cristo", ha detto il Papa.
Tratto da:
http://www.borsaitaliana.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=topNews&storyID=2008-11-02T133113Z_01_MIE4A104I_RTROPTT_0_OITTP-PAPA-SUPERSTIZIONI.XML


Il cristianesimo è solo superstizione. Una superstizione che chiude agli Esseri Umani la costruzione del loro futuro facendolo dipendere dal capriccio della provvidenza di un dio padrone cretino, beffardo e bugiardo com’è nella descrizione biblica. Una descrizione che Ratzinger impone ai bambini affinché diventino tutti superstiziosi in ginocchio davanti a sé stesso che, ad imitazione del suo dio, è cretino, bugiardo e beffardo (tanto, idioti che costringono i loro figli in ginocchio con lo stesso spirito criminale di Abramo ne trova sempre!).

Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento