LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

giovedì 7 maggio 2009

Il modello della sacra famiglia (Giuseppe Gesù e Maria) come garanzia per favorire la pedofilia e la violenza in famiglia.

Il Veneto è un territorio a forte propensione pedofila perché forte è sia la violenza cristiana che l’attività degli oratori e delle scuole private cattoliche.
La pedofilia nasce dall’educazione, non dalla propensione dell’individuo. Nasce dal bisogno di possesso nel quale far veicolare le proprie pulsioni sessuali.
Il cattolico nord-est è sempre presente in ogni indagine di pedofilia. La pedofilia che continua a condurre gli inquirenti nell’ambito della chiesa cattolica.
Riporto l’ultimo articolo preso da Il Gazzettino di oggi 07 maggio 2009.
Però, quello che a me fa paura, non è quello scoperto oggi, ma quello che succede ora e che sarà scoperto domani:

Treviso.
Abusi e torture a bimbi online,
anche un catechista tra gli indagati
Nella casa dell'uomo, sposato con figli, i carabinieri hanno trovato materiale pedopornografico di violenza inaudita


C’è perfino un catechista, sposato, con figli e residente a Treviso, nel registro degli indagati per pedopornografia: l’inchiesta coordinata dalla procura di Siracusa e portata avanti dai carabinieri della località siciliana, ha portato ieri mattina a un nuovo blitz scattato simultaneamente in tutta Italia. Anche nel Veneto e a Treviso, dove gli inquirenti hanno denunciato quest’uomo di 43 anni, operaio specializzato molto vicino agli ambienti cattolici, la cui ombra minacciosa va ad aggiungersi a quella del 31enne già finito nei guai durante la prima ondata di perquisizioni e del 42enne residente a Ponte di Piave.Nella casa dell’uomo i militari hanno trovato dvd e altro materiale pedopornografico non dissimile da quello già sequestrato in altre abitazioni: crudo, di una violenza inaudita, sempre a carico di bambini di pochi anni di età, imbavagliati, legati, torturati. Filmini aberranti che vengono prodotti nei Paesi dell’est europeo e poi varcano i confini nazionali on-line dove trovano acquirenti che poi se li scambiano fra loro come fossero figurine. Il circuito di produzione di lungometraggi che prevedono la tortura delle giovanissime vittime, si occupava anche di ingaggiare gli stupratori. Nelle riprese si vedono i loro volti e tra loro c'è anche una donna. La prima serie di arresti e denunce risale alla scorsa settimana quando il Nucleo investigativo telematico dei carabinieri fece irruzione nelle case e negli uffici di numerose persone implicate a vario titolo nella divulgazione e nella detenzione di film sadici sui bambini: il bilancio dell’operazione portò all’arresto di 4 individui e alla denuncia di altri 59. Fra essi anche i due trevigiani. Ieri alle ulteriori denunce hanno fatto seguito altri 4 arresti, ancora una volta di persone all’apparenza insospettabili: dirigenti d’azienda, piuttosto che impiegati. E il catechista di Treviso non fa che confermare l’assunto che spesso l’orco si nasconde proprio nel giardino di casa dove nessuno sospetterebbe di trovarlo.

Fonte:
http://www.gazzettino.it/articolo.php?id=57294&sez=NORDEST


La famiglia cristiana nasconde, protegge e alimenta la violenza contro le donne e contro i minori.
La famiglia cristiana alimenta le pulsioni pedofile.
E’ necessario tornare alla Costituzione; ai principi della famiglia delineata nella Costituzione e nelle carte occidentali dei diritti dell’uomo.

07 maggio 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento