LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

mercoledì 8 luglio 2009

L'enciclica Caritas in Veritate di Ratzinger e le implicazioni sociali, etiche e morali.


E’ uscita l’enciclica di Ratzinger dal titolo Caritas in Veritate.
Non è un’enciclica da analizzare paragrafo per paragrafo come feci con la Spe Salvi.
Questa enciclica vuole imporre l’etica cattolica nel contesto sociale attuale.
Per comprendere questa enciclica non è importante lo sviluppo ideologico (che del resto ripete riprendendo encicliche precedenti), ma sono importanti i fini che l’enciclica si propone e le implicazioni di ordine sociale, etico e morale che l’enciclica, di fatto manifesta.

http://www.stregoneriapagana.it/caritasveritate.html



Ho letto presentazioni a dir poco vergognose, come quella che riporto:

Chi si aspettava i soliti luoghi comuni e la retorica dei «cattolici adulti» sulla decrescita, sull'ambientalismo romantico, sulla rivolta anti-capitalistica, sul fascino di coloro che accusano la cultura occidentale, è rimasto molto deluso, perchè la Caritas in veritate, terza enciclica di Benedetto XVI, la prima di carattere sociale (a 18 anni dall'ultima enciclica sociale, la Centesimus annus di Giovanni paolo II), presentata martedì a Roma, ha dissipato dubbi e ambiguità circa l'ecologismo, il terzomondismo, la rivolta no global, il sostegno o meno allo sviluppo, la terza via tra capitalismo e socialismo, la teologia della liberazione, ecc...
Pur non citando mai la parola «capitalismo», l'enciclica propone un progetto di carattere culturale e sociale per superare le logiche utilitaristiche a favore di una rivoluzione antropologica dove lo sviluppo è indicato come «vocazione» per favorire «il bene comune» e si colloca nel «disegno di Dio».
Purtroppo la mancanza di conoscenza dei meccanismi sociali e l’errore nell’interpretare l’uso delle parole che normalmente si compie quando si parla della teologia cattolica, porta spesso a confondere “fischi per fiaschi”.
L’enciclica Caritas in Veritate è un vero e proprio atto di guerra nei confronti della Costituzione della Repubblica.
Un’offesa ai principi Costituzionali e alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.
Nell’enciclica si impone una figura di “uomo” schiavo di un dio padrone. Un dio padrone che legittima ogni padrone nell’esercizio della schiavitù. Dove il concetto di giustizia è quello del padrone sullo schiavo e la pace è imposta allo schiavo affinché continui a servire il padrone.

Con questa enciclica Ratzinger non fa altro che ribadire le encicliche precedenti con cui la chiesa cattolica continua ad affermare la sua supremazia nei confronti della Costituzione della Repubblica che vuole ridurre al rango di uno strumento con cui stuprare la società civile.
Si tratta di un disegno criminoso messo in atto da Ratzinger. Un disegno che sfrutta la fine delle istanze portate avanti dal “comunismo” per sfruttare a proprio vantaggio il disagio sociale dei popoli in nome del dio padrone.
Conoscendo il “teologo” Ratzinger e la boria da onnipotente con la quale si immedesima nel dio padrone, non avevo dubbi sul prodotto che ne sarebbe risultato.
Per farla accettare ha più volte fatto riscrivere l'enciclica.
Un’enciclica che può essere annoverata fra il materiale di “bassa macelleria” con la quale la chiesa cattolica ha distrutto popoli interi per costringerli in ginocchio davanti al dio padrone.

Ho preso in esame i paragrafi finali: gli intenti dell’enciclica e li ho esaminati alla luce dell’ideologia cattolica. Ho parafrasato nel significato della dottrina cattolica gli ultimi due capitoli e sottolineato gli intenti e i proponi menti di Ratzinger. Penso di aver fatto un buon lavoro anche se le modifiche del testo mantengono qualche discontinuità al suo interno.
I temi etici, trattati da Ratzinger sono assolutamente strumentali e funzionali a sottomettere l'uomo al suo dio padrone. Come per l'embrione: una volta non riconosceva nemmeno l'anima ai neonati, oggi pretende che le persone si mettano in ginocchio davanti ai feti!
08 luglio 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento