LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

domenica 2 agosto 2009

Le lacrime di sangue della madonna di Civitavecchia (proveniente da Medjugorje) e il fanatismo cattolico.

Dalle cronache dei giornali è scomparsa la notizia, ormai vecchia, ormai non fa più notizia, delle lacrime di sangue maschili della statuetta della madonna di Civitavecchia proveniente da Medjugorje.
Il fanatismo di Medjugorje si era trasferito e veniva sfruttato anche a Civitavecchia.


http://www.stregoneriapagana.it/madonnacivitavecchia.html


Va il vescovo, Girolamo Grillo, un picchiatore, preti cacciati che scappano, inquisiti che rifiutano di far controllare il proprio sangue per far continuare la truffa e un’isteria collettiva che offende la società civile.
Tutta la capacità critica delle persone viene meno, fagocitata dal fanatismo cattolico.
Anche il sindaco “laico di sinistra” di Civitavecchia si scopre essere un fanatico cattolico.
Un’orgia di misticismo nella quale le persone tentano di vincere il superenalotto alla lotteria dei miracoli.
Tutta l’operazione che, probabilmente avrebbe dovuto essere seguita da altri avvenimenti, abortì fra le botte del vescovo Girolamo Grillo ad un altro prete fra voci diffamatorie e sospetti e la cacciata di preti per questioni di potere.
Dopo le “testimonianze dei miracoli”, dopo l’euforia del nulla e il risveglio nell’inganno, il fenomeno, che ha visto la violenza su una bambina di cinque anni costretta a credere nella madonna, è stato circoscritto all’interno del “marianesimo” cattolico.
Rimane il danno alla società civile, alle persone, ai loro diritti traditi.
Ho scritto una storia della vicenda raccogliendo alcuni articoli del giornale La Repubblica al fine di consentire alle persone di riconoscere il meccanismi del fanatismo cattolico quando li incontrano.
02 agosto 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento