LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

sabato 29 agosto 2009

manipolazione mentale cristiana: da Phillip Garrido all'unto del signore e le loro esigenze di possesso.

Il dio dei cristiani sorge dalla follia e giustifica ogni follia nei confronti degli Esseri Umani.
Il delirio di onnipotenza, da dove nasce, ha nella sessualità disturbata e delirante la sua ragione di esistere.

Anche nel caso, venuto alla luce in questi giorni su Jaycee Dugard rapita 18 anni fa e segregata per 18 anni dal suo aguzzino, pende come una lama la pazzia del dio dei cristiani.
Phillip Garrido aveva la vocazione religiosa. Era un onnipotente inviato dal dio padrone e, come tale, aveva fondato una chiesa cristiana dal nome significativo: “Desiderio di dio”. Stampava volantini e faceva propaganda delle idee cristiane. Quelle stesse idee che gli permettevano di giustificare il sequestro della ragazza, la violenza sistematica e, probabilmente, il genocidio di donne che tentavano di vivere offrendo il proprio corpo.

La relazione è sempre dialettica: la manipolazione mentale cristiana impone l’idea di dio ai bambini. I bambini, una volta cresciuti, possono vivere soltanto imponendo l’idea di dio ad altri bambini per poter veicolare il proprio delirio di onnipotenza.

Magistrati e poliziotti vorranno capire come ha fatto a passare inosservato. La società civile dovrà capire i meccanismi della patologia che porta gli individui ad identificarsi nell’onnipotenza del dio padrone.

Era devota a dio la moglie di Phillip Garrido quando aiutava la ragazza sequestrata a partorire. Era devota a dio la ragazza che partoriva succube di dio che l’aveva sequestrata. Erano devoti a dio i ragazzini nati dagli stupri che accompagnavano lo stupratore a diffondere volantini della loro religione davanti all’università di Berkeley.

E i poliziotti? Questo devoto padre bianco; quanto deve averli confusi.

Se la società non si libera del dio padrone in cui le persone veicolano le proprie pulsioni, difficilmente si potrà ovviare alla maggior parte di queste situazioni: a vari livelli e a varie intensità.
Identificarsi col dio padrone all’interno del delirio di onnipotenza è forse la condizione umana più comune.
Come per la chiesa cattolica italiana.
Alla chiesa cattolica fa comodo Silvio Berlusconi che si atteggia ad unto del signore in concorrenza con Ratzinger, un altro unto del dio padrone. L’atteggiamento di Silvio Berlusconi porta molti vantaggi economici e di potere alla chiesa cattolica. Peccato che non ne garantisca l’esclusività: domani, altri unti del signore si presenteranno. Non tutti si chiameranno Phillip Garrido. Altri potrebbero chiamarsi Lutero e pretendere per sé stessi l’esclusiva del rapporto col dio padrone.

Così le cose sono due. O la chiesa cattolica riesce a riportare Silvio Berlusconi al’ordine o dovrà cedere a Silvio Berlusconi il ruolo di Ratzinger: due unti del signore non possono convivere e, come abbiamo visto, Silvio Berlusconi non si accontenta di ridurre due donne ad oggetto di possesso come Phillip Garrido, per lui ne servono molte di più.

29 agosto 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail: claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento