LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

lunedì 21 settembre 2009

I miracoli di Padre Pio e la superstizione cattolica.


Anche questo miracolo deve essere ascritto a "Padre Pio"?
Certo che questo santo cattolico è molto affezionato ai suoi fedeli. Loro in autobus vanno in pellegrinaggio a S. Giovanni Rotondo, recitano il rosario, e subito dopo, forse a causa dello scoppio di una gomma, l’autobus sbanda, invade la corsia opposta scontrandosi con due auto in una galleria.
Così, Pietro Toscano di 37 anni e Filadelfio Toscano di 50 anni muoiono.
Sono due le vittime dell’incidente stradale sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria.

Io posso solo prendere atto che la chiesa cattolica asserisce che il sedicente “padre Pio” è un santo salito alla gloria del dio padrone e che fa i miracoli. Posso solo prendere atto della qualità dei miracoli di Padre Pio e non so se ridere o indignarmi per la superstizione a cui la chiesa cattolica costringe i cittadini.

Ricordo com’era stata ventilata la partecipazione di Silvio Berlusconi ad una visita da “Padre Pio” per far risalire il proprio gradimento politico e sociale: era anche quella aspettativa per un altro miracolo?

E’ vergognoso vedere l’uso del concetto di “fede” per mascherare la superstizione e procurarsi denaro alle spese dei cittadini. E’ un incidente, forse dovuto alla cattiva manutenzione del mezzo, ma nulla toglie che “Padre Pio” sia spacciato dai cattolici come un toccasana che guarisce malattie e fa miracoli, mentre, in realtà, era un volgare truffatore.
Ora, sicuramente, sul luogo dell’incidente erigeranno un’altro capitello a “Padre Pio” in onore di questo “sacrificio umano”. Fra Cosenza Sud e Rogliano non far sapere del miracolo di “Padre Pio” né bisogna far sapere che prima dell’incidente sull’autobus si recitava il rosario. Altrimenti, come si fa a diffondere superstizione?
21 settembre 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

2 commenti:

  1. Certamente i fan di Padre Pio sono dei creduloni ignoranti, ma la domanda che mi pongo è questa: evidentemente queste persone hanno bisogno di affidarsi a qualcosa/qualcuno, se queste persone non riponessero la loro fede nella Chiesa cattolica ed in padre Pio, in cosa crederebbero? Non è che se invece fossero tutti satanisti sarei più tranquillo......

    RispondiElimina
  2. Indubbiamente: se l'uomo fosse creato ad imamgine e somiglianza di un dio pazzo e cretino, la sua preoccupazione avrebbe un fondamento. Ma dal momento che la distruzione della capacità psichica è costruita da Padre Pio e da tutti coloro che spacciano la sottomissione cattolica come una dose di eroina a cui costringono le persone ad assuefarsi, la questione sta nel denunciare l'uso criminale e distruttivo dell'eroina spacciata.
    Indubbiamente lei potrebbe essere preoccupato se queste persone anziché delirare per l'eroina delirassero per la cocaina. Ciò non toglie che la miseria fisica e morale nella società che induce le persone a sottomettersi ad una loro proiezione illusoria che identificano in padre Pio viene costruita mediante la violenza. una violenza che costringe i bambini a sottomettersi al crocifisso. Una violenza che induce a sperare nella superstizione del miracolo dopo aver privato le persone degli strumenti con cui affrontare in maniera adeguata la loro vita.
    Appunto: EROINA!
    Per quel che mi riguarda, non ho nessuna pretesa di disintossicare queste persone, né penso che possano essere disintossicate. Per quel che mi riguarda possono concludere la loro vita nella loro disperazione, nella loro credenza, nella loro attesa della vittoria al superenalotto dei miracoli sperati.
    Ciò che non possono fare è continuare a spacciare la loro eroina nella società costringendo i bambini in ginocchio davanti ad un crocefisso violentandone l'esistenza. Non possono attenuare la loro disperazione costringendo altre persone a diventare disperate privandole dei mezzi adeguati con cui affrontare coerentemente e coraggiosamente la loro esistenza.
    Non è lecito costruire miseria sociale e morale!
    E' la morale della nostra Costituzione che deve guidare le nostre azioni, non il desiderio di morte, distruzione e disperazione, del Gesù dei cristiani.
    Claudio Simeoni
    Meccanico
    Apprendista Stregone
    Guardiano dell'Anticristo

    RispondiElimina