LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

giovedì 1 ottobre 2009

Dalla bibbia degli ebrei e dei cristiani, Salmo n. 4: La Preghiera del giusto!


Dalla bibbia ebrea e cristiana il Salmo n. 4: il canto dello schiavo che ama il suo padrone e disprezza la vita e la libertà degli Esseri Umani.


Salmo n. 4

Canto di beatitudine dello schiavo sottomesso


Quando ti invoco, rispondimi, dio, mio padrone:
di angosce mi hai caricato, di tormenti e aspettative;
pietà di me padrone, ascolta la mia preghiera.

Fino a quando, schiavi, sarete duri di cuore?
Perché amate il benessere e la felicità e cercate la libertà?
Sappiate che il dio padrone fa prodigi per il suo schiavo:
il dio padrone mi ascolta quando lo invoco.

Tremate schiavi e non ribellatevi
Nella cella in cui siete incatenati riflettete e placatevi.
Offrite atti di sottomissione e devozione al dio padrone
E confidate nel dio padrone.

Molti dicono: “Chi ci farà vedere che la schiavitù è un bene?”.
Risplenda su di noi, o dio padrone, la luce della sottomissione.
Hai messo angoscia nel mio cuore
Da quando hai privato le genti del vino e del frumento.
Mi corico sottomesso e subito mi addormento
Tu solo, o mio padrone, con le tue catene sicuro mi fai riposare.


L’ideologia cristiana è l’ideologia dello schiavismo. Mentre nelle società antiche la schiavitù era una relazione sociale nella quele le divinità spingevano per la libertà; on l’avvento del cristianesimo la schiavitù diventa non solo un fatto sociale, ma soprattutto un fatto intimo che doveva essere dimostrato socialmente. La società non si accontentava della schiavitù per svolgere un lavoro, ma la schiavitù doveva essere una schiavitù “con tutto il cuore e con tuta l’anima”. Una shiavitù in cui il padrone dei padroni era dio per discendere attraverso una gerarchia che si identificava col dio padrone e pretendeva un omaggio a somiglianza del dio padrone. Come il papa cattolico è il dio sulla terra (ciò che farai in terra verrà fatto in cielo), così il prete cattolico è Gesù. Come Gesù viene arrestato in presenza del bambino nudo (che cosa ci facesse è facile immaginarlo), Marco 14, 51-52, così i preti cattolici hanno sempre praticato sistematicamente la pedofilia e la violenza sui minori finché non sono stati limitati da centinaia di processi imposti dal diritto del cittadino proprio delle Costituzioni occidentali in contrapposizione alla dottrina cristiana.
Nei Salmi l’ideologia della schiavitù e la patologia psichiatrica della sottomissione come necessità di costruire una dipendenza psico-emotiva viene spinta all’estremo ideologico.
Nel Salmo n. 4 “Canto di beatitudine dello schiavo sottomesso” che i cristiani, che esaltano la schiavitù e la sottomissione titolano “Preghiera del giusto” (la nobiltà nello schiavo consiste nel chiedere al proprio padrone ancora più violenza nell’imporre la sua schiavitù: questo delirio lo trovate in alcune vite dei santi cattolici) è ben rappresentato quel “timore e tremore” che incide la psiche di Kierkegaard.
Lo schiavo si compiace di essere schiavo e invita le moltitudini ad adeguarsi alla schiavitù imposta dal dio padrone. Lo schiavo, nell’esaltazione ebrea e cristiana, si sente sicuro soltanto se ha braccia e gambe strette fra le catene del dio padrone.
Tutti i salmi sono dei canti di esaltazione della schiavitù. Le parafrasi dei Salmi che sto pubblicando sono chiarificatrici dell’ideologia cristiana e cattolica nel caso italiano.

01 ottobre 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento