LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

martedì 15 dicembre 2009

La violenza delle Istituzioni sui cittadini e il loro disprezzo per la Costituzione della Repubblica: favorire la pedofilia della chiesa cattolica.


La violenza con la quale la Polizia di Stato favorisce la violenza sui minori dei preti pedofili, omettendo le indagini preventive, data la loro dottrina con finalità di violenza sui bambini, è una delle violenze che la società civile ha subito dal 1948 ad oggi. Se il fascismo, di fatto, favoriva lo stupro di minori attraverso l’imposizione del cattolicesimo come religione di stato, dal 1948, la Polizia di Stato e i Carabinieri hanno omesso la protezione dei cittadini per favorire le trame eversive e le violenze della Democrazia Cristiana e dei cattolici in generale.
Il gioco dell’inganno, fatto dal potere politico, consiste nell’affermare che “ciò che non si sa, non è mai avvenuto” e quando le cose si sanno “sicuramente non stanno in quella forma, ma in una forma annacquata”.
Ma noi, che abitiamo il mondo e non abbiamo nulla da comperare e vendere, né prostituiamo le nostre emozioni nel gioco degli inganni, abbiamo una conoscenza che va al di là della propaganda degli organi di informazione il cui scopo è dirigere le opinioni del gregge per garantire l’impunità a qualcuno e macellare qualcun altro a seconda degli interessi del padrone dell’informazione di turno.
E’ la violenza del terrore che la Polizia di Stato e le altre Istituzioni hanno attuato nei confronti dei cittadini facendo credere che la violenza sui minori sia una questione interna alla chiesa cattolica e non che i cittadini fossero i soggetti da proteggere dall’eversione criminale della chiesa cattolica.

Come è avvenuto, e purtroppo avviene in Italia in cui la Polizia si Stato è tesa a proteggere la violenza e si pensa in diritto di non dare spiegazioni ai cittadini, così è avvenuto anche in altri paesi. Appaiono un po’ grottesche questi comportamenti che nel tentativo di salvare il cristianesimo, con tutte le sue aberrazioni inumane e criminali, circoscrivendo ai soli preti, vescovi, cardinali e papi, le responsabilità della violenza sui minori; ha la funzione di separare la fonte da cui la violenza trae origine dall’attore che esercita la violenza. Si addita l’attore, ma non la fonte in modo da permettere alla pedofilia di continuare a far danni.
La violenza sui minori, non è un !affare interno della chiesa cattolica”, ma è parte dell’attacco che la chiesa cattolica mette in atto contro la società civile, con l’aiuto di politici, magistrati, Polizia di Stato, Carabinieri e Istituzioni locali, che incitano alla violenza contro i bambini (come per l’imposizione del crocifisso che viola i diritti fondamentali dell’uomo).
Riporto:


Sinead O’Connor invita il Papa a dimettersi


La cantante di Dublino accusa la Chiesa di aver taciuto per troppo tempo in riferimento agli abusi sessuali messi in atto dal clero irlandese.
Fa assai discutere la richiesta della cantante irlandese Sinead O’Connor, che venerdì scorso ha chiesto pubblicamente le dimissioni di Papa Benedetto XVI, dopo il rapporto del governo irlandese che ha portato alla luce gli scandalosi abusi sui minori da parte del clero irlandese, insabbiati per anni dal Vaticano che era a conoscenza dei fatti.
La O’Connor, che già in precedenza aveva infiammato la sensibilità cattolica stracciando una foto di Giovanni Paolo II in diretta tv, avrebbe inviato una lettera in cui accusa il Papa di aver taciuto per troppo tempo sui vergognosi eventi.
“Esigo che il Papa si dimetta per il suo silenzio spregevole sui fatti e per la sua mancata cooperazione nell’inchiesta”, ha scritto la cantante di ‘Nothing Compares To You’ in una lettera al quotidiano Independent, pubblicata prima di una riunione tra i leader della chiesa irlandese e il Papa in Vaticano.
“I Papi non hanno avuto alcun problema ad esprimere le proprie opinioni, quando si è scelto per la contraccezione o il divorzio”, ha detto la O’Connor. “Nessun problema a criticare ‘Il Codice da Vinci’. “ppure, quando si tratta di parlare di pedofili travestiti da sacerdoti adottano il silenzio. E ‘grottesco, incredibile, bizzarro e senza precedenti.”
Biagio Chiariello
Tratto da:

http://music.fanpage.it/sinead-oconnor-invita-il-papa-a-dimettersi/


Invitare Ratzinger a dimettersi, significa essere sempre all’interno del sistema ideologico che impone la veicolazione della pedofilia nell’esercizio delle proprie pratiche sessuali mediante la coercizione della condizione sessuale del possesso: una tensione emotiva che nasce e si sviluppa nell’individuo attraverso la coercizione educazionale cattolica.
Finché non saranno rispettati i diritti fondamentali dell’uomo dai Carabinieri, la Polizia di Stato, i Sindaci, le Istituzioni del territorio e le Istituzioni nazionali, la pedofilia sarà sempre la soluzione dell’espressione delle pulsioni sessuali degli individui educati nel cristianesimo e nel cattolicesimo in particolare. Se non tutti i cattolici violentano fisicamente i bambini, tutti i cattolici partecipano alla violenza sui minori, la istigano ideologicamente e la favoriscono attraverso l’esaltazione della figura di Gesù.
Da qui le difficoltà di Ratzinger: da un lato la scoperta delle pratiche della pedofilia ha allontanato molte pecore dal suo gregge, dall’altro lato lui stesso ha favorito, protetto (anche praticato, ma la Polizia di Stato fu omissiva allora) la pedofilia minacciando chiunque avesse denunciato all’autorità civile le pratiche della pedofilia.
Ratzinger deve proteggere la pedofilia, sia perché Gesù era un pedofilo, e l’imitazione di cristo è un elemento fondamentale della dottrina cristiana e cattolica in particolare, sia perché tutte quelle pratiche, che una volta estremizzate portano l’individuo alle pratiche della pedofilia fisica, sono parte integranti della manipolazione mentale e della violenza a cui la chiesa cattolica, direttamente o indirettamente, sottopone i ragazzi per costringerli a credere nel suo dio padrone.
Va da se che oggi come oggi all’assolutismo ideologico cattolico possono essere affiancate informazioni e idee sociali diverse, da un lato il liquame della pratica della pedofilia cattolica sta emergendo, rendendo le persone consapevoli della realtà del cristianesimo e, dall’altro, le persone si allontanano dalla chiesa cattolica che è sempre più costretta a ricorrere ai suoi complici politici per imporre ai bambini l’ideologia criminale e assolutista del crocifisso in violazione alla legge italiana.

14 dicembre 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento