LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

domenica 12 dicembre 2010

Il Vaticano e la pedofilia nell'Imitio Christi: la diplomazia USA e le relazioni Vaticano Irlanda come rivelate da Wikileaks.


Riporto la traduzione con Google della relazione dell’Ambasciata USA sull’atteggiamento della chiesa cattolica sugli abusi che lei, per imitazione di cristo, ha perpetrato sui minori al fine di costringerli alla fede cristiana.
Anche se la traduzione fatta con Google è assolutamente imprecisa, tuttavia è sufficiente per far comprendere la gravità dell’azione criminale messa in atto dalla chiesa cattolica contro i bambini sia del’Irlanda, in questo caso, ma dei bambini in tutto il mondo.
Naturalmente i genitori sono corresponsabili della violenza di stupro sia psichico che fisico che i loro figli hanno subito: loro hanno scelto di essere cattolici. Loro hanno scelto di battezzare i loro figli nella religione cristiana-cattolica. Loro sapevano che con l’atto di battesimo consegnavano i loro figli alla chiesa cattolica che ne diventava l’effettiva padrona a proprio uso e consumo.
Il Vaticano è responsabile di atti di terrorismo!
A seguito pubblico il documento originale in Inglese come pubblicato da WikiLeakes:



Venerdì 26 febbraio 2010, 16:32 sezione segreta 01 del 03 VATICANO 000.033 SIPDIS EO 12.958 decl: 2035/02/26 TAGS Prel, Phum, Soci, Kirf, VT, EI OGGETTO: SESSO CEPPI SCANDALO ABUSI-VATICANO RELAZIONI IRLANDESE, scuote UP Chiesa irlandese, e pone problemi per la Santa Vaticano Santa 00000033 001,2 di 003 classificate per: Julieta Noyes Valls, DCM, EXEC, Stato. MOTIVO: 1.4 (b)

 ¶ 1. (C) Riassunto: La relazione del novembre 2009 cover-up da parte dei vescovi locali di rivelazioni di abuso fisico e sessuale dei bambini da parte del clero irlandese sconvolto i cattolici e gli altri in tutto il mondo. Vaticano e irlandesi officialsâ € ™ prima preoccupazione era per le vittime, ma che la realtà è talvolta oscurata nella avvenimenti che seguirono che ha anche gettato un gelo in Vaticano relazioni irlandese. Il Vaticano ritiene che il governo irlandese non è riuscito a rispettare e proteggere la sovranità del Vaticano nel corso delle indagini. Gran parte del pubblico irlandese viste le proteste del Vaticano, come meschinamente procedurali e mancanza di affrontare il vero problema di abusi orribili e cover-up da parte dei funzionari della Chiesa. La profonda crisi conseguente della Chiesa irlandese, nel frattempo, occorre l'intervento di papa Benedetto, che ha incontrato i dirigenti della Chiesa irlandese nel dicembre 2009 e nel febbraio 2010 per discutere i prossimi passi. Anche se il Papa invierà una lettera pastorale sulla situazione di cattolici irlandesi nelle poche settimane successive, sia il Vaticano e la Chiesa cattolica locale concordano sul fatto che un ulteriore follow-up dovrebbe essere manipolati nazionale in Irlanda. Vaticana € ™ s rapida risposta relativamente a questa crisi ha dimostrato che gli insegnamenti tratti chiave della scandali sessuali abuso Stati Uniti nel 2002, ma ancora alcuni cattolici di sinistra - in Irlanda e oltre - sensazione scontenti. La crisi si giocherà per anni in Irlanda, dove sono attesi futuri rivelazioni, anche come nuovo clericale accuse di abusi sessuali sono in corso in Germania. Fine Riepilogo. Origine di uno scandalo: orribile e Endemica ------------------------------------------

 ¶ 2. (U) Lo scandalo irlandese ha rotto nel 1990, dopo una serie di cause penali e richieste del governo irlandese che ha stabilito che le centinaia di laici e sacerdoti avevano abusato di migliaia di bambini in Irlanda per decenni. Nel 1999, il primo ministro irlandese Bertie Ahern ha annunciato un programma per rispondere alle abusi, tra cui un regime di compensazione in cui il governo e vari ordini religiosi contributi. Annunciando questo programma, irlandese Ahern è stato il primo funzionario a chiedere scusa alle vittime. Ha inoltre avviato uno studio sugli abusi in istituti irlandesi gestiti da ordini religiosi, ma supervisionato e finanziato dalla Irelandâ € ™ s Department of Education. Dopo nove anni di indagini, la Commissione Ryan pubblicato un rapporto nel maggio 2009 che dettagliato gli abusi orribili, tra cui 325 casi di presunto abuso da parte di preti, e concluse erano â € œendemic.â €? Con la crisi in corso, i cattolici irlandesi e gli investigatori irlandese si rivolse a Roma per ulteriori risposte. Politiche di reazione: Indagini Offend Vaticano e irlandese pubblica ----------------------------------------- ---- ----------------

 ¶ 3. (SBU) Dopo il rilascio della relazione di Ryan, il governo irlandese ha ordinato un'indagine della Commissione in materia di Ryan € ™ s di accuse contro sacerdoti nell'arcidiocesi di Dublino, che sarà condotto dalla Commissione indipendente Murphy. Aggirando i canali diplomatici, la Commissione Murphy ha inviato una lettera di richiesta di ulteriori informazioni per la Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF), che segue le questioni relative alla condotta clericale e delitti. La Commissione ha inoltre chiesto al Nunzio Vaticano in Irlanda per rispondere alle domande. (Giudice Murphy ha sostenuto che il corpo non hanno dovuto seguire le normali procedure di inter-statali nel fare le sue richieste, perché la commissione indipendente e non faceva parte del governo irlandese.)

 ¶ 4. (S / NF) mentre i contatti del Vaticano immediatamente espresso il profondo cordoglio per le vittime e ha insistito che la prima priorità è impedire il ripetersi, essi erano anche arrabbiati per come la situazione gioca politicamente. Le richieste di Murphy Commissionâ € ™ s offeso molti in Vaticano, il Santo SEEA € ™ s Assessore Peter Wells (proteggere rigorosamente) ha detto DCM, perché li vedeva come un affronto alla sovranità del Vaticano. funzionari del Vaticano erano anche irritati che il governo irlandese non ha passo a dirigere la Commissione Murphy a seguire le procedure standard nelle comunicazioni con la Città del Vaticano. Aggiungendo al danno la beffa, i funzionari del Vaticano credevano anche alcuni politici dell'opposizione irlandesi facevano fieno politico con la situazione chiamando pubblicamente il governo per chiedere che la risposta del Vaticano. In definitiva, segretario di Stato vaticano (primo ministro equivalente) Bertone ha scritto alla ambasciata irlandese che le richieste relative alle indagini deve avvenire attraverso i canali diplomatici attraverso rogatorie.

 ¶ 5. (S / NF) L'ambasciata d'Irlanda presso la Santa Sede ha offerto a facilitare una migliore comunicazione tra la commissione irlandese e la Santa Sede, ma nessuna delle due parti ha preso ulteriori provvedimenti. L'ambasciatore irlandese Noel Fahey (ex ambasciatore a Washington) ha detto DCM questa è stata la crisi più difficile che avesse mai gestito. Il governo irlandese ha voluto essere visto come collaborato con l'inchiesta perché il suo Dipartimento Educazione è stato coinvolto, ma non ha voluto insistere sul fatto che il Vaticano rispondere alle richieste, perché erano venuti fuori dei canali regolari. Alla fine, il governo irlandese ha deciso di non premere il Vaticano per rispondere, secondo Faheyâ € ™ s Vice, Helena Keleher. Inoltre, Keleher VATICANO 00000033 002,2 di 003 Polchief il CDF ha detto probabilmente non ho molto da aggiungere alla richiesta. Per quanto riguarda la richiesta di Nunzio a testimoniare, ha detto che il governo indiano Keleher capito che gli ambasciatori stranieri non sono tenuti o dovrebbero comparire dinanzi le commissioni nazionali. Tuttavia, Keleher pensato che il nunzio in Irlanda, ha peggiorato le cose, semplicemente ignorando le richieste.

 ¶ 6. (C) il risentimento causato dalla tattica della Commissione Murphy - e il fallimento del governo dell'Irlanda per temperare loro - ora ha portato fuori un po 'a Roma. Questo è in parte perché il diplomatico e delle questioni giuridiche poste dalla € ™ s Commissionâ richieste sono ora discutibile in quanto la Commissione Murphy pubblicato il suo rapporto nel novembre 2009. E 'motivata molte delle affermazioni e ha anche concluso che alcuni vescovi cercato di coprire gli abusi, ponendo gli interessi della Chiesa davanti a quelli delle vittime.

 ¶ 7. (C) La rabbia irlandese peopleâ € ™ s, tuttavia, non ha portato fuori. Il rifiuto della Santa Sede per rispondere alle domande della Commissione Murphy ha causato a furor di incredulità pubblico in Irlanda, quando si è saputo. Il ministro degli Esteri Martin è stato costretto a chiamare il Nunzio Apostolico per discutere la situazione. Il pubblico irlandese non è stato addolcito. Il risentimento verso la Chiesa di Roma resta molto elevata, soprattutto a causa della istituzionalizzato insabbiamento di abusi da parte della Chiesa gerarchia cattolica. Sulla scia dello scandalo, quattro dei cinque vescovi nominati nella relazione Murphy si sono dimessi, il quinto si è rifiutato di smettere. Mons. Martina € ™ s la vigilia di Natale la Messa di mezzanotte l'annuncio delle dimissioni di due dei cinque vescovi chiave denominata nella relazione Murphy è stato raggiunto da applausi scroscianti, che aveva un tempo difficile calmante. Pastorale Reazione: Incontri con Chierici e messaggi ai cattolici ---------------------------------------- ----- -------------- --------

 ¶ 8. (C) Nel frattempo, il normalmente cauto Vaticano mosso con velocità insolita per affrontare la crisi interna della Chiesa. Il Papa ha convocato una riunione con alti dirigenti clericale irlandese il 11 dicembre 2009. Irlandese cardinale Sean Brady, arcivescovo di Dublino Diarmuid Martin è venuto a Roma e ha incontrato il Pontefice, che era affiancato dal cardinale Bertone (il Vaticano Primo Ministro equivalente), e quattro altri cardinali i cui compiti includono una supervisione su alcuni aspetti della situazione irlandese. Al termine della riunione, il Vaticano ha rilasciato una dichiarazione dicendo che il Papa ha condiviso la â € œoutrage, il tradimento, e shameâ €? di cattolici irlandesi sulle deliberazioni, che stava pregando per le vittime, e che la Chiesa dovrebbe prendere misure per prevenire le recidive. Arcivescovo Martin ha detto ai giornalisti dopo che egli si aspettava una grande riorganizzazione della Chiesa in Irlanda.

 ¶ 9. (SBU) Vaticana € ™ s mossa successiva è stato quello di chiamare una più ampia, incontro di due giorni con i vescovi irlandesi, 15-16 febbraio, per discutere della crisi. Lì, il Papa ha esortato i Vescovi ad affrontare l'abuso sessuale con determinazione e coraggio, di evitare il ripetersi, e per guarire le vittime. I partecipanti alla riunione ha esaminato e discusso un progetto di â € œPastoral Lettera del Santo Padre ai cattolici di Irelandâ €? che il Papa pubblicherà entro la fine di marzo. Una successiva nota del Vaticano ha detto che il abusi in Irlanda fosse una â € œheinous reato ed anche un € sin.â grave?
 ¶ 10. (U) Nel corso di una conferenza stampa il 16 febbraio, il portavoce vaticano Lombardi ha detto che la riunione era finalizzata a dialogo e la direzione di definizione, e non era destinato a produrre decisioni politiche specifiche. La dichiarazione ha citato la bishopsâ € ™ assicurato che â € œsignificant misure sono state adottate per garantire la sicurezza dei bambini e dei giovani € people.â? Il testo completo è disponibile all'indirizzo services/bulletin/news/25154.php http://212.77.1.245/news: index = 25.154 Po & data = 2010/02/16 & lang = it pubblica reazione del Vaticano Risposta aiuta, ma più necessario ---- ----------------------------------------- --------- -

 ¶ 11. (C / NF) A giudicare dai commenti dei media, molti-irlandese non cattolici sentito Vaticana € ™ s risposta alla crisi è stata una buona partenza ma di più era necessario. Irlandese Vice Capo Missione Keleher polchief ha detto il 18 febbraio che ha simpatizzato con victimsâ € groupsâ € ™ ™ critica dello stato Vaticano, perché non era più concentrata sul dolore causato alle vittime. Victimsâ € ™ associazioni hanno anche lamentato del fatto che il Papa non ha rilasciato delle scuse per gli abusi e che lui non ha ordinato la rimozione del vescovo rimanenti accusati di cover-up. (Arcivescovo Martina € ™ s commenti in dicembre, apparentemente, aveva convinto molti che il Vaticano avrebbe eliminato i vescovi errante se non avessero smesso.) Commento: Alcune lezioni apprese, ma crisi Play Out per Anni --------- ------------------------------------ -------------- ------ VATICANO 00000033 003,2 di 003

 ¶ 12. (C) In linea con la pratica cattolica di rendere vescovi locali in ultima analisi, responsabile per la gestione delle loro diocesi, ci aspettiamo che il luogo della crisi e misure per affrontare rimarrà in gran parte con la Chiesa cattolica in Irlanda. L'unica eccezione sarà sulle decisioni di se accettare o rifiutare le dimissioni da parte dei vescovi implicati - o la rimozione del vescovo che ha rifiutato di offrire le sue dimissioni - che resto con il papa. Il grande altra eccezione sarà il Popeâ € ™ s lettera pastorale ai cattolici irlandesi, in cui il Vaticano possa rispondere alle preoccupazioni e alle critiche circa le dichiarazioni e le azioni intraprese fino ad oggi. Dopo questo, però, il Vaticano torna al fondo - pur tenendo d'occhio i vescovi irlandesi e continuando per esortarli a parlare con una sola voce. I nostri contatti in Vaticano e in Irlanda aspettiamo che la crisi della Chiesa cattolica irlandese ad essere protratto per diversi anni, come le accuse solo dall'Arcidiocesi di Dublino sono stati studiati fino ad oggi. Le indagini di accuse da Arcidiocesi altri porterà, funzionari di entrambi gli Stati lamento, a ulteriori rivelazioni dolorose.

 ¶ 13. (C) In Irlanda, questi scandali abuso si è verificato al termine di un lungo periodo di crescente secolarizzazione della società - e può ulteriormente ridurre l'influenza della Chiesa cattolica. Infatti, la grande veemenza della reazione irlandese a questa crisi rispecchia quanto la Chiesa cattolica in Irlanda è caduto. Una volta immersa nella Costituzione irlandese, la Chiesa cattolica irlandese raggiunge l'apice del suo prestigio e del potere con la visita del 1979 Papa Giovanni Paolo II, ma è in calo da allora. Allo stesso tempo, la relazione Murphy riflette vergogna irlandese negli collaborazione di Irelandâ € ™ s organi statali, comprese le sue scuole, tribunali e polizia, gli abusi spaventosi e cover-up che si è verificato per decenni.

 ¶ 14. (S) gli analisti del Vaticano, nel frattempo, concordano sul fatto che il Santo SEEA € ™ s la gestione dello scandalo irlandese mostra il Vaticano imparato alcune importanti lezioni dallo scandalo abusi sessuali degli Stati Uniti del 2002. Agendo rapidamente per esprimere l'orrore per i presunti casi, per etichettare i presunti atti sia crimini e peccati, e di chiamare i dirigenti locali per discutere come prevenire le recidive, il Vaticano limitato - ma certo non eliminare - il danno causato ai € Churchâ ™ s in piedi in Irlanda e in tutto il mondo. Purtroppo, dato il crescente scandalo degli abusi in Germania, può essere necessario distribuire quelle lezioni di nuovo in breve tempo. Fine commento.

 ¶ 15. (U) Ambasciata di Dublino e liquidati contribuito a questo cavo. DIAZ


----

Questa è la versione inglese:

Friday, 26 February 2010, 16:32
S E C R E T SECTION 01 OF 03 VATICAN 000033
SIPDIS
EO 12958 DECL: 2/26/2035
TAGS PREL, PHUM, SOCI, KIRF, VT, EI
SUBJECT: SEX ABUSE SCANDAL STRAINS IRISH-VATICAN RELATIONS, SHAKES UP
IRISH CHURCH, AND POSES CHALLENGES FOR THE HOLY SEE
VATICAN 00000033 001.2 OF 003
CLASSIFIED BY: Julieta Valls Noyes, DCM, EXEC, State. REASON: 1.4 (b)

¶1. (C) Summary: The November 2009 report of cover-up by local bishops of revelations of physical and sexual abuse of children by Irish clergy appalled Catholics and others worldwide. Vatican and Irish officials’ first concern was for the victims, but that reality was sometimes obscured in the events that followed which also cast a chill on Irish-Vatican relations. The Vatican believes the Irish government failed to respect and protect Vatican sovereignty during the investigations. Much of the Irish public views the Vatican protests as pettily procedural and failing to confront the real issue of horrific abuse and cover-up by Church officials. The resulting profound crisis in the Irish Church, meanwhile, required intervention by Pope Benedict, who met with Irish Church leaders in December 2009 and in February 2010 to discuss next steps. Although the Pope will address a pastoral letter on the situation to Irish Catholics in the next few weeks, both the Vatican and the local Catholic Church agree that further follow-up should be handled domestically in Ireland. The Vatican’s relatively swift response to this crisis showed it learned key lessons from the U.S. sex abuse scandals in 2002 but still left some Catholics - in Ireland and beyond -- feeling disaffected. The crisis will play out for years inside Ireland, where future revelations are expected, even as new clerical sex abuse allegations are being made in Germany. End Summary.

Origin of a Scandal: Horrific and Endemic
------------------------------------------

¶2. (U) The Irish scandal broke in the 1990s, following a series of criminal cases and Irish government enquiries that established that hundreds of lay persons and priests had abused thousands of children in Ireland for decades. In 1999, Irish Prime Minister Bertie Ahern announced a program to respond to the abuse, including a compensation scheme into which the government and various religious orders made contributions. In announcing this program, Ahern was the first Irish official to apologize to the victims. He also launched a study into abuse at Irish institutions run by religious orders but overseen and funded by Ireland’s Department of Education. After nine years of investigation, the Ryan Commission issued a report in May 2009 that detailed horrific abuses, including 325 alleged cases of abuse by priests, and concluded they were “endemic.” With the crisis unfolding, Irish Catholics and Irish investigators turned to Rome for additional answers.

Political Reaction: Inquiries Offend Vatican and Irish Public
--------------------------------------------- ----------------

¶3. (SBU) After release of the Ryan report, the Irish Government ordered an investigation of the Ryan Commission’s allegations against priests in the Archdiocese of Dublin, to be conducted by the independent Murphy Commission. Sidestepping diplomatic channels, the Murphy Commission sent a letter requesting further information to the Congregation for the Doctrine of the Faith (CDF), which follows issues relating to clerical misconduct and crimes. The Commission also asked the Vatican Nuncio in Ireland to answer questions. (Judge Murphy argued that the body did not have to follow normal inter-state procedures in making its requests because the independent commission was not part of the Irish government.)

¶4. (S/NF) While Vatican contacts immediately expressed deep sympathy for the victims and insisted that the first priority was preventing a recurrence, they also were angered by how the situation played out politically. The Murphy Commission’s requests offended many in the Vatican, the Holy See’s Assessor Peter Wells (protect strictly) told DCM, because they saw them as an affront to Vatican sovereignty. Vatican officials were also angered that the Government of Ireland did not step in to direct the Murphy Commission to follow standard procedures in communications with Vatican City. Adding insult to injury, Vatican officials also believed some Irish opposition politicians were making political hay with the situation by calling publicly on the government to demand that the Vatican reply. Ultimately, Vatican Secretary of State (Prime Minister equivalent) Bertone wrote to the Irish Embassy that requests related to the investigation must come through diplomatic channels via letters rogatory.

¶5. (S/NF) The Irish Embassy to the Holy See offered to facilitate better communications between the Irish commission and the Holy See, but neither party took any further action. Irish Ambassador Noel Fahey (formerly ambassador to Washington) told DCM this was the most difficult crisis he had ever managed. The Irish government wanted to be seen as cooperating with the investigation because its Education Department was implicated, but did not want to insist that the Vatican answer the requests because they had come outside of regular channels. In the end, the Irish government decided not to press the Vatican to reply, according to Fahey’s Deputy, Helena Keleher. Moreover, Keleher
VATICAN 00000033 002.2 OF 003
told Polchief the CDF probably did not have much to add to the inquiry. Regarding the request for the Nuncio to testify, Keleher said the GOI understood that foreign ambassadors are not required or expected to appear before national commissions. Nevertheless, Keleher thought the Nuncio in Ireland made things worse by simply ignoring the requests.

¶6. (C) The resentment caused by the Murphy Commission tactics - and failure of the Government of Ireland to temper them -- now has worn off a little in Rome. This is in part because the legal and diplomatic questions posed by the Commission’s demands are now moot since the Murphy Commission released its report in November 2009. It substantiated many of the claims and also concluded that some bishops tried to cover up the abuses, putting the interests of the Church ahead of those of the victims.

¶7. (C) The Irish people’s anger, however, has not worn off. The refusal of the Holy See to respond to the Murphy Commission questions caused a furor of public disbelief in Ireland when it became known. Foreign Minister Martin was forced to call in the Papal Nuncio to discuss the situation. The Irish public was not mollified. Resentment toward the Church in Rome remains very high, particularly because of the institutionalized cover-up of abuse by the Catholic Church hierarchy. In the wake of the scandal, four of the five bishops named in the Murphy Report have resigned; the fifth has refused to quit. Archbishop Martin’s Christmas Eve Midnight Mass announcement of the resignation of two of the five key bishops named in the Murphy report was met be thunderous applause, which he had a hard time quieting.

Pastoral Reaction: Meetings with Clerics and Messages to Catholics
--------------------------------------------- --------------
--------

¶8. (C) Meanwhile, the normally cautious Vatican moved with uncharacteristic speed to address the internal Church crisis. The Pope convoked a meeting with senior Irish clerical leaders on December 11, 2009. Irish Cardinal Sean Brady and Archbishop of Dublin Diarmuid Martin came to Rome and met with the Pontiff, who was flanked by Cardinal Bertone (the Vatican Prime Minster equivalent), and four other Cardinals whose duties include oversight over some aspect of the Irish situation. At the end of the meeting, the Vatican issued a statement saying that the Pope shared the “outrage, betrayal, and shame” of Irish Catholics over the deliberations, that he was praying for the victims, and that the Church would take steps to prevent recurrences. Archbishop Martin told reporters afterwards that he expected a major shake-up of the Church in Ireland.

¶9. (SBU) The Vatican’s next move was to call a broader, two-day meeting with Irish bishops, February 15-16, to discuss the crisis. There, the Pope urged the bishops to address the sexual abuse with resolve and courage, to prevent any recurrences, and to bring healing to the victims. Meeting participants examined and discussed a draft of the “Pastoral Letter of the Holy Father to the Catholics of Ireland” that the Pope will issue by the end of March. A later Vatican statement said the abuses in Ireland were a “heinous crime and also a grave sin.”
¶10. (U) At a press conference on February 16, Vatican spokesman Lombardi said the meeting was aimed at dialogue and direction-setting, and was not intended to produce specific policy decisions. The statement quoted the bishops’ assurances that “significant measures have now been taken to ensure the safety of children and young people.” The full text is available at http://212.77.1.245/news services/bulletin/news/25154.php?index=25154& po date=16.02.2010&lang=en

Public Reaction: Vatican Response Helps, but More Needed
--------------------------------------------- -----------

¶11. (C/NF) Judging by media commentary, many non-Irish Catholics felt the Vatican’s response to the crisis was a good start but more was needed. Irish Deputy Head of Mission Keleher told polchief on February 18 that she sympathized with victims’ groups’ criticism of the Vatican statement, because it was not more focused on the pain caused to the victims. Victims’ associations also have complained that the Pope did not issue an apology for the abuses and that he did not order the removal of the remaining bishop accused of the cover-up. (Archbishop Martin’s comments in December apparently had convinced many that the Vatican would remove the errant bishops if they did not quit.)

Comment: Some Lessons Learned, but Crisis Will Play Out for Years
--------------------------------------------- --------------------
VATICAN 00000033 003.2 OF 003

¶12. (C) In keeping with the Catholic practice of making local bishops ultimately responsible for the management of their dioceses, we expect that the locus of the crisis and measures to address it will remain largely with the Catholic Church in Ireland. One exception will be on decisions of whether to accept or reject resignation offers from the implicated bishops -- or the removal of the bishop who refused to offer his resignation -- which rest with the Pope. The other big exception will be the Pope’s pastoral letter to Irish Catholics, in which the Vatican may address concerns and criticisms about statements and actions undertaken to date. After this, though, the Vatican will return to the background - while keeping an eye on the Irish bishops and continuing to urge them to speak with one voice. Our contacts at the Vatican and in Ireland expect the crisis in the Irish Catholic Church to be protracted over several years, as only allegations from the Dublin Archdiocese have been investigated to date. Investigations of allegations from other Archdioceses will lead, officials in both states lament, to additional painful revelations.

¶13. (C) In Ireland, these abuse scandals occurred at the end of a long period of increasing secularization of society - and may further reduce the influence of the Catholic Church. Indeed, the great vehemence of the Irish reaction to this crisis reflects how far the Catholic Church in Ireland has fallen. Once ensconced in the Irish Constitution, the Irish Catholic Church reached the height of its prestige and power with the 1979 visit of Pope John Paul II but it has been falling ever since. At the same time, the Murphy Report reflects Irish shame over the collaboration of Ireland’s state bodies, including its schools, courts and police, in the appalling abuses and cover-up that occurred for decades.

¶14. (S) Vatican analysts, meanwhile, agree that the Holy See’s handling of the Irish scandal shows the Vatican learned some important lessons from the U.S. sex abuse scandal of 2002. By acting quickly to express horror at allegations, to label the alleged acts both crimes and sins, and to call in the local leaders to discuss how to prevent recurrences, the Vatican limited - but certainly did not eliminate - the damage caused to the Church’s standing in Ireland and worldwide. Unfortunately, given the growing abuse scandal in Germany, it may need to deploy those lessons again before long. End Comment.

¶15. (U) Embassy Dublin contributed to and cleared this cable. DIAZ


Tratto da:
http://213.251.145.96/cable/2010/02/10VATICAN33.html

Un conto è ciò che il Vaticano vende alle pecore del suo gregge e un altro conto è ciò che i diplomatici ufficiali rilevano nei comportamenti, troppo spesso criminali, del Vaticano.



Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!

13 dicembre 2010
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento