LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

venerdì 14 ottobre 2011

La Cina difende i suoi cittadini dagli atti di terrorismo della chiesa cattolica: espulso Gianni Criveller.



La Cina ha deciso di fermare l’attività di terrorismo che il Vaticano sta sviluppando nel mondo. E’ un’attività di terrorismo il cui scopo è la disarticolazione della società civile cinese, la distruzione delle strutture sociali in funzione della costruzione della miseria con la quale imporre un povero pazzo demente che pretende di essere il padrone degli uomini in quanto figlio del dio padrone.
Questa attività di terrorismo che vede impegnati in maniera attiva anche il Dalai lama, ha lo scopo di distruggere la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo sottraendo i cittadini quali fruitori di tali diritti per trasformarli nei diritti della chiesa cattolica, dei cristiani o dei lamaisti, di imporre con la violenza la loro religione sui cittadini cinesi.
Come disse il vescovo francese processato per complicità in violenza ai minori: impedire la pederastia della chiesa cattolica significa impedire la libertà religiosa. Questa mentalità della chiesa cattolica è ingiuriosa come è ingiurioso il suo dio padrone che pretende di ammazzare chiunque non si metta in ginocchio davanti a lui.
Giustamente la Repubblica Cinese difende il diritto religioso dei suoi cittadini dalla violenza della chiesa cattolica. Non dimentichiamo che lo scontro è vecchi fin dal 1700 quando i missionari gesuiti pretesero di determinare il diritto dei cinesi di celebrare le loro feste. L’imperatore, che studiò il cristianesimo, provvide a difendere i propri sudditi dall’odio e dal terrore cristiano. Un terrore che i missionari cristiani hanno reiterato in Cina spacciando oppio al fine di fiaccare la resistenza dei cinesi e che ha visto la ribellione dei Boxer alla loro assoluta violenza e alle loro attività di terrorismo. I cinesi hanno combattuto ben tre guerre dell’oppio contro i cristiani che volevano spacciare oppio in Cina.
Oggi, il governo cinese, comunque lo si voglia definire, difende i suoi cittadini dal terrore di personaggi criminali alla Teresa di Calcutta e sa benissimo che se dovesse perdere lo scontro i suoi cittadini diventerebbero le “puttane” dell’occidente.
Per questo motivo il governo cinese ha preso questo criminale, Gianni Criveller e lo ha allontanato dalla Cina.
Veneti criminali che si tolgono il cappello davanti al padrone, sputando sulla Costituzione della Repubblica, agiscono per costringere altri popoli a togliersi il cappello davanti al loro padrone.
Quando l’Italia cesserà di consegnare bambini a Ratzinger affinché li possa violentare, allora anche l’Italia inizierà il suo cammino per diventare un paese civile.
Riporto la notizia di cronaca:


La Cina caccia il prete trevigiano
«È nella lista nera del regime»
Padre Gianni Criveller respinto all’aeroporto di Pechino. La reazione alla scomunica vaticana dei vescovi nominati dalla «Chiesa Patriottica». Il missionario: «Amarezza per lo stop al mio progetto»
Lorenzo Fazzini



13 ottobre 2011

TREVISO — C’è anche un missionario veneto nella «lista nera» di coloro (missionari, preti e vescovi) ai quali viene impedito l’ingresso in Cina. Un gesto considerato dagli osservatori come «reazione» alla scomunica vaticana di alcuni vescovi cinesi ordinati in maniera illecita dalla Chiesa «patriottica » sostenuta dal regime di Pechino. Si tratta di Padre Gianni Criveller, trevigiano doc (nato a Conscio nel 1961), è una vera e propria autorità in materia di questioni religiose cattoliche di Cina. L’anno scorso a maggio, a Roma, consegnò personalmente a Benedetto XVI la sua biografia su Matteo Ricci, il pioniere delle missioni cattoliche moderne di Cina («Matteo Ricci: missione e ragione», ed. Pimedit). Dal 1989 il sacerdote del Pontificio istituto missioni estere (Pime) vive in Asia: inizialmente ha r i s i e d u t o a Taiwan per i primi anni di studio della lingua dopo essersi laureato in teologia a Napoli sotto la guida di Bruno Forte
[...]

«A fine luglio, di ritorno da una visita a Hong Kong, è stato bloccato all’aeroporto internazionale di Pechino, trattenuto lì una notte intera e messo sul primo volo per Hong Kong, il mattino successivo, ancora senza alcuna spiegazione».
In pratica, Criveller risultava «schedato» dalle autorità cinesi le quali, appena lo hanno visto rientrare nella sua patria di adozione, lo hanno allontanato dal Paese. Il commento di padre Criveller è giunto sull’home page del sito www.missionline.org: «Proprio nell’anno del venticinquesimo di sacerdozio, poche settimane fa, ho vissuto l’amarezza dell’improvvisa e brusca interruzione del mio progetto, ovvero aiutare in modo qualificato studenti e studiosi cinesi nelle loro ricerche sul cristianesimo, progetto che corrispondeva all’intenzione originaria della mia destinazione in missione nel 1989». Il missionario trevigiano, che a Hong Kong viene spesso intervistato dall’emittente Usa Cnn come opinionista sulle questioni tra Cina e Santa Sede, commenta con cristiano realismo la disavventura occorsagli: «I missionari che oggi tentano di seguire le orme di Matteo Ricci in Cina e di raccoglierne l’eredità sperimentano simili successi e sconfitte, analoghe difficoltà culturali, psicologiche e politiche». Ma non è detta l’ultima parola: padre Criveller spera che, passata la tempesta, possa tornare il sereno tra lui (e la Chiesa di Roma) e Pechino. Proprio come fu con Matteo Ricci.

Tratto da:
http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2011/13-ottobre-2011/cina-caccia-prete-trevigiano-lista-nera-regime-1901806214042.shtml

Fintanto che non sarà fermato il terrorismo dei missionari, l’Italia vivrà sempre una condizione di sottomissione all’odio Vaticano per le libertà sociali e per la Costituzione della Repubblica.
I cinesi provvedono a difendere i loro cittadini: lo stato Italiano consegna i bambini al Vaticano affinché li violenti e impedisca loro di diventare cittadini consapevoli dei loro diritti Costituzionali.


Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!


14 ottobre 2011
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento