LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

venerdì 16 dicembre 2011

La chiesa cattolica fa violenza sui bambini perché questo è l'unico modo che ha per imporre la fede e la sottomissione al suo dio padrone.



Finché le persone non riusciranno a diventare consapevoli che la violenza sui bambini è ORGANIZZATA e VOLUTA dalla chiesa cattolica per ORDINE di GESU’ al fine di imporre la fede nel dio padrone ai bambini, che poi se la porteranno nell’età adulta, le violenze sui minori non solo continueranno, ma si espanderanno in maniera algebrica. Anche quando le costrizioni e le violenze cambieranno natura e si presenteranno sotto forma diversa dalla violenza sessuale diretta.
Questa violenza sui minori operata sistematicamente dalla chiesa cattolica diffonde la pedofilia in tutti gli ambiti sociali, in particolare sulle classi sociali più povere o emarginate i cui figli sono spesso le vittime degli abusi (tanto, chi vuoi che denunci). In Veneto, in particolare, la violenza sui minori vede la collaborazione dei magistrati che, alfine di assicurarsi un ingiusto profitto, non hanno mai elevato, quando, “bontà loro”, se ne sono occupati, l’aggravante delle finalità di terrorismo nei confronti degli indagati.
La situazione in Olanda rivela la sua gravità. Come negli USA, in Irlanda, in Germania, in Austria. In Italia non si riesce a far comprendere ai magistrati come i bambini siano dei soggetti di diritto Costituzionale e non degli oggetti di possesso. Non si riesce a far loro comprendere come l’equilibrio psico-fisico dei bambini, una volta violentato, riproduce disagio ed emarginazione nella società. I magistrati vivono questa sorta di onnipotenza, più legata al crocifisso, con cui minacciano di morte gli imputati, che non alla Costituzione della Repubblica alla quale hanno prestato giuramento.
Non esiste un legame fra celibato e abusi. Esiste un legame fra la fede cristiana e l’abuso sui bambini: la pulsione di possesso delle persone manifestata dal crocifisso. E più le persone sono socialmente deboli, indifese, tanto maggiore è il desiderio del prete cattolico di fargli violenza perché, chi è debole e indifeso, secondo l’ideologia criminale cristiana, non si deve permettere di rivendicare diritti davanti al dio padrone incarnato dal prete, dalla suora o dal laico al suo servizio.
Questo è ciò che porta violenza, come nell’asilo Sanguinazzi di Feltre in cui la magistratura non ha proceduto per finalità di terrorismo nei confronti delle suore aguzzine né ha inquisito il vescovo cattolico di Belluno che era il fruitore finale della violenza a cui le aguzzine sottoponevano i bambini.
Riporto la notizia dall’Olanda:



Olanda, rapporto Aia: 20% bambini ha subito abusi in istituti cattolici

L'Aia (Olanda), 16 dic. (LaPresse/AP) - Migliaia di bambini hanno subito abusi sessuali in istituti cattolici in Olanda e le autorità ecclesiastiche "non hanno affrontato le violazioni in una maniera adeguata", né hanno aiutato le vittime. È quanto emerge dal rapporto della commissione indipendente istituita all'Aia, che ha ricevuto 1.800 denunce di abusi in scuole, seminari e orfanotrofi cattolici. In questi istituti, affermano gli autori del rapporto, "la vigilanza non è stata sufficiente" e le autorità cattoliche non hanno affrontato il problema per "prevenire scandali". Basandosi su un sondaggio condotto su oltre 34mila persone la commissione ha stimato che uno su dieci bambini olandesi abbia subito qualche forma di abuso. Il numero aumenta al 20% tra bambini che hanno frequentato istituti cattolici.
La commissione d'inchiesta era stata istituita l'anno scorso all'Aia sotto la guida dell'ex ministro Wim Deetman. L'indagine è stata lanciata in seguito alle denunce di ripetuti abusi commessi in un convento, alle quali sono seguite accuse di violazioni commesse in altre istituzioni cattoliche in tutto il Paese. Gli abusi, ha detto oggi Deetman, sono andati avanti per anni in parte perché la Chiesa cattolica in Olanda era divisa e molti vescovi e ordini religiosi hanno gestito il problema in autonomia, "senza stendere i panni sporchi fuori". La commissione, ha spiegato l'ex ministro, ha concluso tuttavia che "è sbagliato parlare di una cultura del silenzio" da parte della Chiesa nel suo insieme.
Sono stati identificati circa 800 preti, frati, parroci e altre persone che lavoravano per la Chiesa menzionate nelle denunce. Circa 105 di loro sono ancora in vita, ma non è chiaro se ricoprano ancora posizioni all'interno della Chiesa. Nel rapporto queste persone vengono definite come "autori" e non "colpevoli", per sottolineare il fatto che non è stato dimostrato che abbiano commesso un reato. La commissione di Deetman ha deferito 11 casi alla procura, che ha finora aperto solo un'indagine. Per gli altri dieci casi, ha spiegato l'ufficio del pubblico ministero in un comunicato, mancano dettagli e alcuni abusi si sono verificati troppo tempo fa per poter essere oggetto di indagine.
La commissione, ha affermato Deetman, non è riuscita a stabilire un "legame scientifico" tra il celibato e gli abusi, ma "non lo considera impossibile. Forse - si legge - se il celibato fosse volontario si potrebbe evitare una serie di problemi". La Chiesa cattolica in Olanda aveva deciso il mese scorso di lanciare un programma di compensazioni per le vittime di abusi. I pagamenti vanno da 5 a 100mila euro, a seconda della natura della violazione subita.
Pubblicato il 16 dicembre 2011

Tratto da:
http://www.lapresse.it/mondo/europa/olanda-rapporto-aia-20-bambini-ha-subito-abusi-in-istituti-cattolici-1.100682

E domani?
Domani saremo ancora qui a parlare della violenza sui bambini.
E quando non parleremo della violenza sui bambini parleremo dell’emarginazione come effetto della violenza sui bambini.
Oppure parleremo del bullismo, dello spaccio di droga, ma è solo un effetto della violenza sui bambini.
Oppure, ancora, parleremo degli effetti depressivi che portano le persone a suicidarsi in quanto incapaci di affrontare le condizioni della loro esistenza: ma stiamo sempre parlando degli effetti della violenza sull’infanzia.
Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!

16 dicembre 2011
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it