LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

martedì 15 maggio 2012

Stimolare la violenza sui bambini per aumentare le vocazioni da prete cattolico oggi in calo


Violentare bambini per imporre la fede nella religione cattolica, è il progetto della chiesa cattolica.
“Nessuno nasce sacerdote”, recita il manifesto della chiesa cattolica svizzera. In effetti nessuno nasce cristiano. Si nasce cittadini, non con un’etichetta religiosa appiccicata addosso. L’etichetta religiosa può essere assunta o per libera scelta o per violenza e la chiesa cattolica pratica la violenza sui minori affinché questi facciano propria la fede cattolica diventando dipendenti di un padre-dio-padrone che è legittimato a violentarli.
Infatti, nella bibbia ebrea e cristiana, non esiste la proibizione della pratica della pedofilia e della pederastia ad opera dei padri sui figli (vedi Levitico 18) in quanto, per ebrei e cristiani, i figli sono oggetto di possesso dei padri in quanto rappresentanti di dio che impongono quel modello al bambino.
Quel “...preghiamo per le vocazioni” significa: “facciamo violenza ai bambini affinché abbiano la vocazione di far violenza a loro volta ad altri bambini”.
La campagna pubblicitaria, ideata dal seminario diocesano san Carlo di Lugano, ha lo scopo di alimentare la violenza sui minori al fine di “incoraggiare” le vocazioni che sono in forte calo.
La pubblicità è accompagnata da un’immagine che ha la funzione di alimentare nell’osservatore la “bellezza” nel far violenza ai bambini: un bambino vestito da prete cattolico! L’immagine è quella del “bambino che si dà al prete cattolico al fine di ottenere di essere prete cattolico a sua volta”.
Riporto la notizia:


Un vero e proprio tornado si è scatenato intorno alla chiesa cattolica svizzera a seguito di una locandina che da tempo viene distribuita nelle parrocchie del Canton Ticino, nel quale la frase “Nessuno nasce sacerdote, preghiamo per le vocazioni” è accompagnata dalla foto di un bambino vestito da prete. La campagna pubblicitaria è stata ideata dal seminario diocesano San Carlo di Lugano per “incoraggiare” le vocazioni che sono in forte calo


Tratto da:

I magistrati si guardano bene dallo stimolare la società affinché dia ai bambini strumenti giuridici adeguati per diventare cittadini consapevoli. Preferiscono imporre ai bambini la porcata dei dieci comandamenti per poterli truffare meglio una volta adulti.
Così i preti cattolici possono usarli come oggetti di possesso del loro dio continuando a distruggere la società civile.
Quando i bambini saranno protetti dalla violenza criminale dei preti cattolici?


15 maggio 2012
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784


domenica 13 maggio 2012

Diffondere la fede cattolica mediante la pedofilia, pederastia e la violenza sui minori.


Perché stupirsi se il Gip del Tribunale di Savona, Fiorenza Giorgi, archiviando il procedimento penale contro il vescovo cattolico Dante Lafranconi che era sotto processo per aver coperto abusi sessuali sui bambini quando era a capo della diocesi cattolica fra il 1992 al 2001. Date le attività omissive degli organi inquirenti che hanno permesso al Lafranconi di non essere processato nei tempi che la legge richiedeva, pur sapendo che era un adoratore di quel criminale in croce che fu arrestato col bambino nudo, e, nonostante ciò, non avevano messo in atto nessuna azione di protezione dell’infanzia. Pertanto il Gip Fiorenza Giorgi ha dovuto archiviare il provvedimento per prescrizione. Nel decidere l’archiviazione ha dichiarato che Lanfranconi Dante, vescovo cattolico, come il criminale crocefisso che adora, è un violentatore di bambini. Ha agito nascondendo la violenza sui bambini al solo fine di salvaguardare l’ingiusto profitto della chiesa cattolica trasformando i bambini in oggetti di possesso da stuprare e violentare.

Dice il Gip Fiorenza Giorgi nell'ordinanza:

"...perfettamente in linea con l'atteggiamento omissivo del Lafranconi risulta come la sola preoccupazione dei vertici della curia fosse quella di salvaguardare l'immagine della diocesi piuttosto che la salute fisica e psichica dei minori che erano affidati ai sacerdoti della medesima."

In pratica: salvaguardare il profitto derivante dalla commissione del reato. Ha obbedito alla direttiva Crimen Sollicitationis emanata da Giovanni XXIII e richiamata e attualizzata da Ratzinger per proteggere i preti pedofili e pederasti.
Domani, grazie a poliziotti che anziché osservare le leggi dello Stato, adorano il criminale in croce che fu arrestato col bambino nudo e imitato dai preti cattolici, altri bambini saranno violentati.Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!


14 maggio 2012
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784