LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

domenica 15 marzo 2015

Bergoglio il sanguinario e le guerre di religione cristiane.


Bergoglio dovrebbe cessare le guerre di religione che i cristiani fanno per macellare i popoli e provocare altre guerre di religione.

Quando alla notizia:

Esplosioni provocate da terroristi kamikaze hanno colpito due chiese nella città pachistana di Lahore. Secondo l’ultimo bilancio del direttore sanitario provinciale, Zahid Pervaiz, le vittime sono almeno 15 e i feriti 78, di cui una trentina in gravi condizioni. Tra le vittime anche donne e bambini. Le deflagrazioni sono avvenute a pochi minuti di distanza, in un quartiere a maggioranza cristiana. Una ha colpito una chiesa cattolica mentre si celebrava la messa, e l’altra una chiesa protestante. I due edifici di culto distano pochi metri l’uno dall’altro.

Bergoglio, vigliaccamente, afferma:

Anche papa Francesco è intervenuto dopo la tragedia in Pakistan: «Con dolore, con molto dolore ho appreso degli attentati terroristici contro due chiese cristiane a Lahore in Pakistan, che hanno procurato molti morti e feriti. Sono chiese cristiane», ha ripetuto sottolineando che «i cristiani sono perseguitati, i nostri fratelli versano il sangue soltanto perché sono cristiani». «Mentre assicuro la mia preghiera per le vittime e le loro famiglie, chiedo — ha aggiunto — il dono della pace e la concordia per quel Paese e che questa persecuzione contro i cristiani, che il mondo cerca di nascondere, finisca e ci sia la pace». La comunità cristiana pachistana ha annunciato tre giorni di lutto.
Tratto da:

E’ necessario ricordare che lui è il mandante dei genocidi per fini religiosi all’interno di un progetto di dominio del mondo messo in atto dai cristiani e dai cattolici in particolare.

Fa sempre male quando persone vengono macellate con motivazioni religiose dirette o indirette. Assassini e vittime, vittime e assassini, accusano l’altro di assassinio danno il via ad una spirale di assassini senza fine là dove gli Stati non sono in grado di sviluppare norme sociali e giuridiche separate dalle norme religiose e imporle alle religioni.

Stiamo assistendo a guerre al massacro il cui scopo e fine è l’annientamento delle persone di una diversa religione dove il più forte, in questo caso il cristianesimo di Ratzinger e Bergoglio, stanno procedendo all’eliminazione fisica di ogni idea religiosa diversa dalla loro.

Le guerre di religione che hanno scatenato i cristiani sono molto vecchie (nell’epoca attuale) e vanno dalla guerra del Biafra (1967 – 1970) al genocidio del Ruanda, al genocidio dell’Iraq perpetrato da USA, Italia, Spagna e Stati Uniti in nome dell’egemonia cristiana, all’attuale guerra dell’Afghanistan che è una vera e propria guerra di religione con la finalità di annientare un sistema religioso diverso da quello cristiano.

Nel settembre del 2006, nel famoso discorso all’università di Ratisbona, Ratzinger incitò alla guerra santa e giustificò il genocidio degli infedeli che le armate cristiane stavano attuando in Iraq e in Afghanistan vedendo l’occasione di sferrare un attacco mortale ai musulmani e ai regimi laici che imponendo leggi diverse dalle coraniche impedivano ai cristiani e agli ebrei di usare l’integralismo religioso per creare conflitto sociale.

L’operazione delle guerre di religione attuali ebbe inizio subito dopo la seconda guerra mondiale quando gli USA si resero conto che stavano perdendo la guerra in Vietnam. Quando forze cristiane internazionali cercavano fonti ideologiche da opporre alla Democrazia europea, all’ideologia laica socialista e comunista e all’ideologia laica dei paesi musulmani.

Bin Laden, finanziato e armato dagli USA fu addestrato ed usato contro il governo laico dell’Afghanistan appoggiato dai sovietici dal 1979. Finanziò i Mujaheddin in Pakistan e con l’aiuto degli USA convogliò armi, denaro e combattenti integralisti musulmani in Pakistan e in Afghanistan. La guerra che si combatteva fra il governo Afghano, appoggiato dai sovietici, e gli integralisti musulmani finanziati e organizzati dagli USA attraverso Bin Laden e altri era una guerra fra una civiltà laica e l’integralismo musulmano in cui primeggiavano i Talebani, gli studenti delle scuole coraniche.

La guerra contro la società laica dell’Afghanistan fu un calcolo preciso dei cristiani che usarono gli integralisti musulmani per costruire una contrapposizione che fosse loro favorevole. In Afghanistan, allora, il velo alle donne non era imposto, ma i cristiani avevano bisogno di imporre il velo alle donne e imporre sottomissione alle donne per emarginizzare l’intera società Afghana.

La stessa cosa accadde in Iraq, immune dall’integralismo islamico, che subì l’invasione delle armate cristiane che devastando il paese invitando gli integralisti musulmani a prendere il controllo della società. E fu un’invasione esclusivamente di carattere religioso e per fini religiosi. La crociata fu fatta dal cristiano rinato Bush, dal cattolico fondamentalista (oggi riconosciuto anche come puttaniere) Berlusconi e dall’anglicano convertito al cattolicesimo (che dimostra la preponderanza dei principi cristiani nelle sue scelte e nei suoi fini) Blair. Costoro, nella più perfetta tradizione cristiana, prima di mettere al rogo l’Iraq lo diffamarono affermando che in Iraq c’erano armi di distruzione di massa.

Tutti questi genocidi, da quelli religiosi da fine colonialismo all’attuale genocidio perpetrato in Afghanistan, sono crociate religiose contro il laicismo per fomentare un integralismo religioso attraverso il quale poter giustificare il genocidio delle persone della religione avversa.

Questo sangue gronda dalle mani di Ratzinger e di Bergoglio i maggiori finanzieri del mondo. Con le mani nel Fondo Monetario Internazionale, nella grande finanza e nel controllo dell’industria delle armi.

La stessa cosa del discorso di Ratzinger fu il discorso di Obama al Cairo. Il 4 giugno 2009 col suo discorso Obama scatenò una serie di guerre civili che dovevano aprire la strada all’integralismo musulmano. Fu devastata la Tunisia, l’Egitto, la Libia, la Mauritania, il Ciad, la Nigeria e infine la Siria.

Se possiamo considerare Bush un uomo di “destra” dalle idee da cristiano rinato, Obama andava classificato come “democratico” eppure il progetto di destabilizzazione dei paesi mediante strumenti religiosi fu uguale in Bush e in Obama che, fra l’altro, ha appoggiato il nazismo cattolico in Ucraina contro gli Ortodossi appoggiando un colpo di Stato nazista. Questa osservazione starebbe a dimostrare che il progetto di destabilizzazione religiosa comprende soggetti che agiscono all’ombra dei governi e che sicuramente fanno capo al Vaticano e alle sue organizzazioni segrete forgiate nei seminari e nelle varie congregazioni da Comunione e liberazione, al sant’Egidio, all’Opus Dei, ai Gesuiti, ai francescani, ecc.

L’obiettivo appare chiaro: destabilizzare le democrazie europee per imporre loro l’integralismo cristiano e un ritorno al medioevo: e Ratzinger e Bergoglio sono i criminali di questo tempo. Le reazioni alla loro attività criminale non coinvolge Bergoglio, Ratzinger o i vescovi cattolici, ma i poveracci, le pecore del gregge che il buon pastore porta al macello della vita.