LA VERITA'

La verità si divide in "verità di fede" e "verità di tortura". Della verità pura e semplice non frega niente a nessuno.

lunedì 13 aprile 2015

La ferocia di Bergoglio e dei cristiani contro la Costituzione Italiana.

Le dichiarazioni di Bergoglio sull’ecidio degli armeni hanno un significato sinistro e criminale per tutta l’Europa.

Ricordo che il primo genocidio del XXI secolo è stato fatto ad opera dei cristiani macellando, previa diffamazione, il popolo dell’Iraq. Un genocidio perpetrato dalla chiesa cattolica attraverso le armate crociate del cristiano rinato Bush, del cattolico fondamentalista Silvio Berlusconi, Bossi, Maroni e Salvini e dell’anglicano convertito al cattolicesimo Blair assieme ad armate cattoliche spagnole che andarono in Iraq con simboli crociati. Un italiano, ammazzato in Iraq, sventolava la bandiera della monarchia sabauda con la croce dentro il tricolore a dimostrazione che si trattava di una crociata religiosa.

Perché le dichiarazioni di Bergoglio sono tristi per l’Europa? Perché come Ratzinger ha spinto per macellare i musulmani, così Bergoglio spinge per allontanare la Turchia dall’Europa al solo scopo di impedire quel processo di uguaglianza religiosa fra i cittadini europei che vede la chiesa cattolica penalizzata per il suo odio sociale e terroristico favorito anche dall’attuale ministro Gentiloni. Ricordo, come da documentazione sempre disponibile, che il Sig. Gentiloni, titolare del dicastero delle Telecomunicazioni, a conoscenza di un atto di terrorismo perpetrato dall’organizzazione criminale chiesa cattolica contro la libera manifestazione del pensiero religioso, per impedire la persecuzione di tale reato ha finto di ignorare l’atto di terrorismo assicurando alla chiesa cattolica il diritto di stuprare bambini italiani al fine di imporre loro la fede cattolica contro i loro diritti Costituzionali. Non esistono altre motivazioni plausibili perché Gentiloni abbia ignorato l’atto di terrorismo messo in atto dal Vaticano!

Convengo sul fatto che la Turchia abbia abbandonato il cammino intrapreso da Ataturk, ma sta di fatto che l’Europa ha zoppicato parecchio nel costruire relazioni soddisfacenti con la Turchia proprio per l’azione del fondamentalismo religioso cristiano.

Che l’accusa sia fatta alla Turchia da Bergoglio che rappresenta centinaia di milioni di macellati in nome del suo dio padrone, rappresenta un insulto alla società civile ricordando che l’Armenia ha le mani che grondano sangue per i genocidi dei popoli vicini che ha compiuto in nome del dio padrone cristiano. Per le migliaia di morti sui quali Gentiloni sputa per i suoi interessi che nulla hanno a che vedere con la Costituzione della Repubblica Italiana, ma appaiono come un’eversione dell’ordine democratico.

Ricordo come la stessa organizzazione politica di Gentinoni ha accusato i Serbi di genocidio dei kossovari e altri per poterli bombardare, quando il genocidio che loro affermavano, non è mai avvenuto.

Bergoglio ha bisogno di incitare all’odio: il suo feroce odio contro la Carta Europea dei diritti dei cittadini.

Il criminale Bergoglio, adoratore del macellaio di Sodoma e Gomorra e stupratore di bambini in nome del Gesù, arrestato per pederastia, ha bisogno di distruggere ogni società laica e Costituzionale per ricominciare a insanguinare il mondo con guerre di religione.

In Ucraina, cattolici contro ortodossi. In medio oriente cristiani contro musulmani e ebrei contro musulmani: dove sono finite quelle tensioni sociali che hanno costruito le libertà sancite dalle Costituzioni?

Le affermazioni di Bergoglio sono una feroce aggressione alla Turchia, ma l’obiettivo di questa aggressione non è la giustizia, visto il genocidio messo in atto dai cristiani contro gli irakeni, ma un atto di guerra con cui aggredire, di fatto, la Costituzione Italiana già violentata dall’esercito berlusconiano che violando i principi di fondazione dello Stato Italiano che rifiuta la guerra, è andato a macellare gli Irakeni ponendo sugli italiani il marchio del genocidio come fece Mussolini in Etiopia.

13 aprile 2015